La Juventus supera il Lokomotiv 2-1 e ringrazia Douglas Costa: gol partita e qualificazione agli ottavi

La Juventus supera il Lokomotiv 2-1 e ringrazia Douglas Costa: gol partita e qualificazione agli ottavi

Douglas Costa regala alla Juve gli ottavi di finale a tempo scaduto, il brasiliano entra e spacca una partita più complicata del previsto, ma la Juve non molla fino alla fine e porta a casa tre punti decisivi per la classifica del Gruppo D. La decide Douglas Costa ma la apre Ramsey, con la partecipazione di Ronaldo e Guilherme: il portoghese calcia una punizione apparentemente innocua, il portiere della Lokomotiv ci mette del suo e mentre la palla sta rotolando in porta arriva il tocco decisivo di Ramsey dopo 3 minuti, trequartista alle spalle di Ronaldo e Higuain. Sembra solo l’antipasto, e invece la Juve fatica a legittimare il vantaggio mentre la Lokomotiv esce alla distanza, dominando sul gioco aereo. I russi pareggiano con Miranchuk, il più veloce a ribattere in rete il proprio colpo di testa sul palo (male Bonucci), e poi sfiorano il vantaggio sempre con Miranchuk di testa, alto sulla traversa. La Juve fatica a imporre schemi e geometrie, Pjanic non è in serata e gli attaccanti incidono meno del solito, in difesa Rugani e Bonucci concedono qualche pallone di troppo. Nella ripresa la Juve prova a alzare i giri ma la partita non si schioda dal’1-1, l’occasione più clamorosa però è dei russi che sfiorano il vantaggio prima con Krychowiak - Szczesny sceglie benissimo il tempo dell’uscita -, poi con il tiro a botta sicura di Joao Mario, ma Bonucci salva sulla linea e si riscatta. Nel finale Sarri prova a vincerla con Bentancur, Dybala e Douglas Costa, sacrificando anche Ronaldo che non la prende benissimo, ma alla fine ha ragione lui. Il brasiliano si inventa un gol clamoroso, saltando mezza difesa russa e duettando con il tacco di Higuain. Palla sotto le gambe di Guilherme e ottavi in tasca. Rimane solo da giocarsi il primo o il secondo posto del Gruppo D con l’Atletico Madrid.


LEGGI LA CRONACA 

 
Mercoledì 6 Novembre 2019, 17:14



© RIPRODUZIONE RISERVATA