Lazio-Salernitana 1-3, le pagelle: Romagnoli e una difesa tutta da dimenticare, Luis Alberto perde un'infinità di palloni, Anderson innocuo

Lazio-Salernitana 1-3, le pagelle: Romagnoli e una difesa tutta da dimenticare, Luis Alberto perde un'infinità di palloni, Anderson innocuo

di Enrico Sarzanini

Sconfitta interna della Lazio all'Olimpico contro la Salernitana in un match della 12esima giornata di serie A. I campani si sono imposti per 3-1. Reti: nel pt Zaccagni al 41' per la Lazio. Nel st Candreva al 6', Fazio al 23', Dia al 31' per la Salernitana.

LE PAGELLE DELLA LAZIO

PROVEDEL 5
Domenica da incubo: l'ex Candreva interrompe la sua imbattibilità con un pallonetto, l'ex romanista Fazio lo buca trovando la rete del vantaggio che gela l'Olimpico. Da rivedere anche l'uscita su Dia che cala il tris e chiude di fatto il match.

 
LAZZARI 5
Nel primo tempo è inarrestabile sia in difesa che in attacco, un rullo compressore che fa diventare matti i giocatori avversari ma nella ripresa naufraga anche lui con tutta la squadra, sul raddoppio granata si perde Fazio.


CASALE 6
Costretto a metterci una pezza al 15' della ripresa quando toglie a Pjatek la gioia del raddoppio con una prodigiosa scivolata a due passi da Provedel, in difesa è certamente il più lucido.


ROMAGNOLI 5
Dopo aver infilato un filotto di gare quasi perfette vive la sua prima domenica tutta da dimenticare a cominciare dal gol di Candreva sul quale decide di accorciare erroneamente su Bonazzoli.


MARUSIC 5
Parte benissimo bravo a tenere sempre la Lazio alta. Diventa sempre meno lucido con il passare dei minuti in fase di ripiego commette una leggerezza sia nel primo tempo, senza conseguenze, che nel secondo sul quale Candreva trova il pareggio. (41' st Hysaj, sv).


LUIS ALBERTO 5,5
Nel primo tempo manda in porta prima Pedro che scheggia il palo poi Zaccagni che invece trova il meritato 1-0. Ripresa da dimenticare perde un'infinità di palloni consentendo alla Salernitana insperate ripartenze. (18' st Milinkovic 5: entra e si becca il giallo, molto generoso, che gli costa il derby e fa innervosire tutta la squadra).


CATALDI 5,5
Riesce a dare ordine a centrocampo ma soprattutto a coordinare con grande caparbietà tutte le manovre della squadra ma nella ripresa crolla emotivamente come gran parte dei compagni. (35' st Basic, sv).


VECINO 5
Affamato di palloni se li va a conquistare di forza andando a mordere le caviglie degli avversari, sempre pronto ad approfittare di ogni minimo errore ma davanti alla porta è un disastro.


PEDRO 5
Prova a non dare riferimenti alla difesa avversaria sul finire del primo tempo scheggia il palo dopo un assist al bacio di Luis Alberto ma pesano le fatiche di Europa League . (35' st Cancellieri 5: troppo nervoso).


ANDERSON 5,5
Si fa in quattro per i compagni per trovare un varco tra le maglie della difesa campana, prova a muoversi per non dare punti di riferimento agli avversari ma non riesce mai ad impensierire il portiere avversario.


ZACCAGNI 6
La 'gabbia” che Nicola ha costruito per disinnescarlo è molto efficace e gli consente pochissimo movimento ma appena riesce a liberarsi trova subito l'1-0, quarto gol in cinque gare. 


SARRI 5
La sua Lazio ci è cascata di nuovo e salta il definitivo salto di qualità. Domenica da dimenticare la squadra fatica a trovare la porta e subisce ben tre gol in una sola partita. Ciliegina sulla torta il giallo al subentrato Milinkovic che salterà il derby.


Ultimo aggiornamento: Domenica 30 Ottobre 2022, 20:34

© RIPRODUZIONE RISERVATA