Senza Inzaghi, torna il portafortuna Farris sulla panchina della Lazio
di Enrico Sarzanini

Senza Inzaghi, torna il portafortuna Farris sulla panchina della Lazio

Un amuleto portafortuna in un momento cruciale della stagione. La Lazio perde Simone Inzaghi perché positivo (e asintomatico) al Covid ma potrà contare su talismano Farris. Il vice del tecnico biancoceleste quando lo ha sostituito fino ad oggi non ha mai perso, una statistica che fa ben sperare in una trasferta delicata in chiave corsa per la Champions come quella di Verona. E' accaduto in ben otto occasioni, il bilancio è di 4 vittorie ed altrettanti pareggi: : Lazio-Inter 2-0 (1 maggio 2016), Lazio-Atalanta 2-1 (15 gennaio 2017), Genoa-Lazio 2-2 (15 aprile 2017), Atalanta-Lazio 3-3 (17 dicembre 2017), Fiorentina-Lazio 3-4 (18 aprile 2018), Lazio-Milan 1-1 (25 novembre 2018), Lazio-Inter 1-1 (31 gennaio 2019) e infine Torino Lazio 1-2 (30 giugno 2020). Un dato confortante soprattutto perché delle quattro vittorie ottenute due sono arrivate lontano dallo stadio Olimpico anche se domenica al Bentegodi la novità assoluta sarò l'assenza di Inzaghi che questa volta non potrà vedere la partita dalla tribuna ma sarà costretto a soffrire davanti all tv sul divano di casa.

 


Farris in ogni caso è più di un semplice secondo allenatore per Inzaghi: spesso lo ha sostituito in sala stampa perché giunto senza voce a fine partita, il rapporto nasce nel 2014 quando arrivò alla Lazio per diventare il secondo in Primavera. Nel 2016 il salto in prima squadra dopo l'esonero di Pioli, Farris è prezioso soprattutto per il lavoro sul piano tattico (è capace di guardare anche quattro partite al giorno per aggiornarsi) ed in particolare sulla fase difensiva avendo un passato da difensore. 
FORMELLO – Nessuna prova tattica ogi al centro sportivo biancoceleste lavoro differenziato per Luis Alberto che sente ancora dolore alla caviglia ma domenica a Verona scenderà in campo. Lavoro a parte anche per Patric, nei giorni scorsi fermato dal mal di schiena, out Musacchio, Cataldi e il lungodegente Luiz Felipe. Oggi giro di tamponi per tutta la squadra che resterà in bolla fino alla trasferta e verrà costantemente sottoposta ai test per scongiurare un focolaio che costringerebbe la Asl a rimandare la gara contro il Verona.
 


Ultimo aggiornamento: Sabato 10 Aprile 2021, 09:51

© RIPRODUZIONE RISERVATA