Lazio contro Sozza, la rabbia di Sarri e Lotito

Lazio contro Sozza, la rabbia di Sarri e Lotito

di Enrico Sarzanini

Lotito e Sarri furiosi e la squadra che non ha proprio digerito le decisioni dell’arbitro Sozza. Il day after la sconfitta contro il Napoli in casa Lazio l’umore è nero: pur essendoci la consapevolezza della superiorità mostrata dagli azzurri, il mancato rigore concesso a Lazzari per la gomitata di Mario Rui non è andato giù. Il primo a farsi sentire è stato Sarri nel post gara: «Tutto ciò accade nell’era del Var: o sono scarsi o c’è l’opzione b, che è più preoccupante». Parole poco gradite all’Associazione Arbitri e che potrebbero costargli il deferimento.

La società però va avanti per la sua strada e ieri ha detto la sua tramite l’addetto agli arbitri Marco Gabriele: «Sul risultato pesano episodi che riguardano la direzione di gara. In primis la scelta dell’arbitro di non concedere il calcio di rigore per una gomitata a Lazzari in area. In questi casi il VAR può aiutare la decisione del direttore di gara, che però ha scelto di non andare neanche davanti al monitor: avrebbe visto sicuramente un rigore solare». Gabriele avanza dubbi anche sulla validità del pareggio di Kim: «C’è una spinta su Luis Alberto che era in marcatura, nemmeno questa presa in considerazione dall’arbitro. A cosa serve la tecnologia, se non a evitare sviste del genere?». Poi c’è la questione cartellini: la Lazio ha subito 48 falli con un solo cartellino alle avversarie ma per i 51 commessi ne ha rimediati ben 15 per Gabriele «una gestione incomprensibile e a senso unico». In chiusura di nota la Società ribadisce che «continua e continuerà a chiedere, per tutti, attenzione e uniformità nelle decisioni che si prendono sul terreno di gioco, a tutela della credibilità del Campionato stesso».
Intanto la squadra ha ripreso la preparazione a Formello: giovedì l’esordio in Europa League in casa contro il Feyenoord.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 5 Settembre 2022, 06:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA