Acerbi: «Lazio pronta per dare battaglia alla Juve»
di Enrico Sarzanini

Acerbi: «Lazio pronta per dare battaglia alla Juve»

«Il ritorno agli allenamenti collettivi lo abbiamo preso bene». Il difensore della Lazio, Francesco Acerbi accoglie positivamente il nuovo protocollo che consentirà al calcio di ripartire: «Sarebbe stato impossibile poter giocare con l'intera squadra in quarantena in caso di un elemento positivo riscontrato nella rosa attraverso gli esami - spiega a Lazio Style Radio -. Si vuole ricominciare, questo è positivo».
A fare da apripista è stata la Bundesliga ripartita la scorsa settimana: «Ma non sarà calcio balilla – avverte - è impensabile non poter marcare stretto l'avversario. Il calcio è industria e passione». Prima di cantare vittoria Acerbi preferisce aspettare: «Per essere sicuri di giocare attendo il fischio d'inizio della prima partita e vorrò essere in campo». Una volta in campo la Lazio sfiderà la Juve: «Dovremo fare il meglio che possiamo. Abbiamo grande motivazione, stiamo bene tutti, speriamo di compiere qualcosa di grandioso alla ripresa della Serie A. Vedremo come riprenderà il cammino del campionato in generale, sono fiducioso. Dobbiamo adattarci a questa pandemia, quando faremo gol non ci abbracceremo. Ci toccheremo solo i gomiti, all'inizio sarà strano».
Chiusura dedicata al faccia a faccia andato in scena lunedì sera a Formello con il presidente, Claudio Lotito: «E' stato un semplice colloquio con il presidente dopo due mesi e mezzo che non ci vedevamo, il presidente ha salutato la squadra, è stata una chiacchierata in famiglia. Sono stati toccati tutti gli argomenti a 360 gradi, dagli obiettivi stagionali agli stipendi, è stata una conversazione tra persone mature. Ho letto alcune notizie false, questo mi ha dato molto fastidio: le cose dello spogliatoio devono rimanere nello spogliatoio».
Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Maggio 2020, 07:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA