Spalletti: «Siamo stati ordinati ma dobbiamo rimanere più tranquilli»

Inter, Spalletti: «Siamo stati ordinati ma dobbiamo rimanere più tranquilli»

«È stata una buona partita, siamo stati ordinati ma dobbiamo rimanere più tranquilli». Luciano Spalletti cerca di godersi il ritorno alla vittoria della sua Inter a Parma. Tranquillità è quanto però sembra ancora mancare alla sua squadra tanto che, spiega ancora il tecnico nerazzurro, «quando non riusciamo ad esprimere le nostre caratteristiche andiamo sotto al nostro standard abituale. È successo nel primo tempo, quando ci è mancato qualcosa ed il Parma ha provato a fare la gara. Poi abbiamo sbagliato in cose piuttosto banali, abbiamo concesso situazioni agli avversari che normalmente non concediamo». «Icardi e Martinez insieme? Bisogna trovare il momento adatto per giocare così - ha risposto Spalletti - Sono due giocatori che si somigliano molto ma in alcune situazioni non li possiamo supportare. E poi voglio dire qualcosa su Perisic che ha reagito da grande campione, da grande professionista a tutto quello che c'è stato in questi giorni. Benissimo anche Nainggolan anche se non sta ancora bene fisicamente». Icardi però continua a non segnare. «Sicuramente deve fare qualcosa di più - ha concluso Spalletti - Ci sono delle cose che vanno chiarite e forse si è fatto qualche discorso di troppo», con riferimento esplicito al tormentone sul rinnovo del contratto. Ma l'Inter se si è ritrovata lo deve a Lautaro Martinez che si dice «contento per il gol, soprattutto perché ci ha permesso di tornare a vincere dopo tanto tempo. Tornare a fare tre punti era fondamentale, ma ci sono tante cose da migliorare. Soprattutto dal punto di vista mentale perché è la mentalità a fare sempre la differenza». Una sconfitta che non fa male invece quella subita dal Parma. Classifica sempre più che positiva con la zona retrocessione ancora distante. «Siamo partiti molto bene nel primo tempo. Nella ripresa abbiamo sofferto e il rammarico più grande è quello di avere subito gol dopo che ci eravamo sistemati in difesa, a causa di una nostra ingenuità - ha spiegato il tecnico crociato Roberto D'Aversa - Se gli episodi fossero stati dalla nostra parte avremmo parlato di un altro risultato. Ci sono stati degli errori che ci hanno penalizzato».
 
Ultimo aggiornamento: 23:56


© RIPRODUZIONE RISERVATA