Scudetto all'Inter, Enrico Bertolino su Leggo: «Il trionfo è più bello in questi mesi terribili. E ora la seconda stella»
di Enrico Bertolino

Scudetto all'Inter, Enrico Bertolino su Leggo: «Il trionfo è più bello in questi mesi terribili. E ora la seconda stella»

Questo scudetto è diverso e bellissimo. Vale doppio: perché siamo quasi alla doppia stella e perché superiamo il Milan, che rimane a 18... Diciamo che vale anche triplo perché arriva in un anno difficile per Milano: città che ha patito tanto, per cui l’annata bellissima dell’Inter (e non negativa del Milan) premia tutta la città. Premia la gente che sa aspettare, come noi interisti, sempre passionali e brontoloni, ma innamorati anche se “a secco” per anni. E poi premia la professionalità: Antonio Conte si è fatto pagare tanto ma ci ha messo l’anima, ha fatto di tutto per guadagnarseli ‘sti soldi, e questa è una cosa molto milanese... Una soddisfazione ulteriore? Dalla Juventus abbiamo preso il meglio, dirigente e allenatore e con una loro costola abbiamo fatto l’Inter. Ha vinto un’Inter giovane: ragazzi che hanno remato tutti nella stessa direzione. Tutti parlavano di stipendi che non arrivavano. E loro si sono detti: “Sai che facciamo? Facciamo fare una bella figura da pirla a tutti e questo scudetto lo vinciamo”. Un tributo va al nostro ragazzone Lukaku, finalmente un centravanti passionale. Veniva da un periodo difficile al Manchester United: è passato dalla “Furie Rosse” ai “Ragiunatt Nerazzurri” e gli è andata bene. E ci è andata bene. Un ciclo? I cicli si costruiscono, non se ne parla. Come ci dice Antonio Conte. E ora, altro che Superlega: facciamo una Superchampions!


Ultimo aggiornamento: Martedì 4 Maggio 2021, 08:53

© RIPRODUZIONE RISERVATA