Simone non perdona: l'ex Inzaghi piega la sua Lazio. Ma Sarri mette paura all'Inter
di Enrico Sarzanini

Simone non perdona: l'ex Inzaghi piega la sua Lazio. Ma Sarri mette paura all'Inter

Una buona gara con il peggior risultato. Compleanno amaro per la Lazio (ieri 122 anni) che esce dal Meazza sconfitta 2-1 dalla capolista ma con la certezza di essere in crescita. Nerazzurri avanti con Bastoni, ci pensa il solito Immobile a rimettere tutto in parità ma nella ripresa Skriniar regala i tre punti all'ex Inzaghi.
A Maurizio Sarri non è bastato il gol del solito Ciro Immobile per evitare l'ennesima sconfitta lontano dallo stadio Olimpico (la sesta in undici gare), un risultato che allontana ancora di più biancocelesti dall'Europa: il quarto posto dista ben nove lunghezze, il quinto ben sei. A proposito di Immobile c'è un altro primato per l'attaccante che con la rete segnata ieri sera al Meazza diventa il terzo giocatore in grado di realizzare quindici gol, nelle ultime sei stagioni, nei maggiori cinque campionati europei raggiungendo in questa speciale classifica Robert Lewandowski e Mohamed Salah. Visibilmente amareggiato il tecnico Sarri: Abbiamo fatto una buona partita: un primo tempo più attendista e timoroso, poi un ottimo secondo tempo. Siamo stati sempre in partita ed abbiamo cercato il pareggio fino alla fine contro una squadra forte. Il tecnico resta ottimista per il futuro: Abbiamo giocatori di qualità e dal punto di vista offensivo qualcosa tiriamo sempre fuori. Quello che ci è mancato è stata la compattezza difensiva. Un pensiero anche sul mercato: So che siamo bloccati dall'indice di liquidità, che non ho capito bene cosa cavolo sia. La società sa che ho bisogno di qualcosa. Sarebbe importante incominciare a intervenire perché poi far tutto in una sola sessione di mercato potrebbe diventare complicato. Rammaricato Milinkovic: Siamo arrabbiati e delusi perché meritavamo almeno il pareggio ma abbiamo già la testa alla prossima gara.
Fronte rinnovo di Sarri Tare conferma la firma in arrivo: Quando Lotito torna da Cortina il tecnico metterà tutto nero su bianco. Mercato?Abbiamo il problema dell'indice di liquidità come altre squadre, va risolto per poi valutare delle occasioni utili.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 10 Gennaio 2022, 08:45

© RIPRODUZIONE RISERVATA