Milan-Roma: Pioli punta al pokerissimo. Ibra sfida Dzeko e il caro nemico Pedro
di Luca Uccello

Milan-Roma: Pioli punta al pokerissimo. Ibra sfida Dzeko e il caro nemico Pedro

Il Milan prova la fuga. Ci crede. Anche se non sarà semplice con la Roma, nel monday-night, che chiude la quinta giornata della serie A. Dopo un inizio di stagione straordinario, quella di stasera può essere considerata sicuramente la prova del nove per Stefano Pioli. «Noi dobbiamo pensare al nostro percorso, continuare a pensare a ogni singola partita come quella più importante ma questa sarà importante anche per la classifica». 
Vuole vincere Pioli, anche se con qualsiasi risultato il Milan rimane primo in classifica: «Dobbiamo prepararci bene per superare questo esame difficile, contro un avversario che nelle ultime sei trasferte ne ha vinte 5. Una Roma che assomiglia al Milan». Poi ancora: «Ho chiesto alla squadra di dare ancora di più per diventare davvero ambiziosi. È bello che le aspettative si siano alzate».
Inanellare 21 risultati utili consecutivi non è semplice, non può essere un caso. Si può alzare ancora l’asticella? «Adesso è importante non fermarsi solo sugli aspetti positivi e concentrarsi su quelli negativi. Dobbiamo curare molto i dettagli e capire che ogni singolo pallone può essere quello decisivo». 
Capitolo infortuni. Calhanoglu si è allenato con la squadra, potrebbe andare in panchina, ma non verrà rischiato. Meglio evitare ricadute. 
Giovedì si torna già in campo, in Europa League, a San Siro arriva lo Sparta Praga. Gara che invece dovrebbe giocare Rebic. «Diciamo che in questo inizio siamo stati molto bravi a non far pesare assenze importanti come Ibra, Romagnoli, Calha». Partita speciale, questa sera, per Gianluigi Donnarumma che ha esordito in A cinque anni fa all’età di 16 anni e 8 mesi. Era il 25 ottobre 2015, in panchina c’era Sinisa Mihajlovic, l’avversario era il Sassuolo. Esordio fortunato, 2-1 per il Milan. «Ho trovato un ragazzo più grande rispetto alla sua età. Nella mia esperienza la sua crescita è stata continua, la sua disponibilità è tanta e sta crescendo in tutto quello che fa. Preoccupazione per il rinnovo? Non sono preoccupato per il futuro perché fin quando vedo giocatori così attenti e positivi sono tranquillo e so che la società sta lavorando in una determinata direzione».
Milan-Roma sarà anche Ibrahimovic contro Dzeko, ma ci sarà anche Zlatan contro Pedro. Uno di quelli che a Barcellona si sarebbe schierato con Messi e contro di lui. Un nuovo faccia a faccia dal sapore di vendetta…

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Ottobre 2020, 07:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA