L'Inter ringrazia Lukaku: Fiorentina ko 2-1 al 119', ai quarti derby col Milan
di Mario Tenerani

L'Inter ringrazia Lukaku: Fiorentina ko 2-1 al 119', ai quarti derby col Milan


L’Inter ha guadagnato i quarti di finale di Coppa Italia, affronterà il Milan per un derby speciale. Le firme sono state di Vidal su rigore e Lukaku. Kouame per i viola. La squadra di Prandelli ha giocato bene nella ripresa e nei supplementari, l’Inter ha fallito qualche occasione anche per la bravura di Terracciano. Per Conte un bel respiro dopo le polemiche di questi ultimi tempi: stavolta i cambi hanno funzionato. Mentre Eriksen come regista non ha convinto.
In tribuna anche Commisso appena arrivato dagli Stati Uniti. 
Quasi un record nel riscaldamento: Prandelli ha perso Borja Valero (problemi muscolari), dentro Bonaventura, mentre Conte ha dovuto rinunciare a Sensi (guaio al polpaccio), al suo posto Vidal. 
E’ toccato al Var accendere un primo tempo così lento da favorire un attacco di sonno. L’Inter B con 7 giocatori nuovi rispetto a Roma. Viola senza Vlahovic, tenuto inizialmente in panchina, Callejon, Ribery e Pezzella. Fiorentina ad aspettare un’Inter che non non partiva nemmeno. Solo un lampo di Lautaro innescato da Sanchez, ottima chiusura di Castrovilli in corner. Dopo un po’ si è messo in moto Young sulla corsia di destra e ha inventato un paio di cross. La Fiorentina però non era in grado di ripartire, sia per l’evanescenza dei trequartisti Eysseric e Bonaventura, sia per la leggerezza di Kouame. Solo un episodio avrebbe potuto interrompere questo equilibrio sonnacchioso: tiro secco di Eriksen, respinta di Terracciano, palo di Sanchez. Pareva tutto regolare invece il Var ha richiamato Massa segnalando l’uscita a valanga del portiere viola mentre Sanchez caricava la conclusione. Rigore e vantaggio nerazzurro con Vidal da dischetto. Centoventi secondi dopo contatto in area interista Skriniar-Kouame: rigore netto per Massa, di parere opposto il Var, penalty tolto. 
Dopo un primo tempo così brutto era lecito sperare in una ripresa migliore e così è successo. In apertura Lautaro, servito da Perisic a tre metri da Terracciano, ha sbagliato un gol incredibile. Ma la Fiorentina ha preso più coraggio, sono cresciuti tutti i viola anche perché Prandelli ha scelto le due punte inserendo Vlahovic. Il pareggio di Kouame è arrivato con una botta da limite. 
La Fiorentina ha attaccato con convinzione, ma l’Inter ha creato le proprie chance grazie anche agli innesti di Barella, Lukaku e Hakimi. L’ex Real è andato vicino al gol in due occasioni, mentre Sanchez si è divorato una rete stile Lautaro. Bonaventura ha impegnato Handanovic. 
I supplementari sono stati la giusta appendice del secondo tempo. Occasioni in serie. Perisic ha preso una traversa, Terracciano ha salvato su Sanchez, ma è stato ancora più bravo sul tentativo aereo di Lukaku. Sul secondo invece per il viola non c’è stato niente da fare: ottimo l’assist di Barella. I viola hanno protestato per un presunto fallo del belga su Quarta, ma Massa non ha cambiato idea.    

LEGGI LA CRONACA

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 13 Gennaio 2021, 18:53

© RIPRODUZIONE RISERVATA