Euro 2020, la lettera ricevuta dall'ambasciata italiana a Londra: «Bastardi, avete truccato la finale»
di Enrico Chillè

Euro 2020, la lettera ricevuta dall'ambasciata italiana a Londra: «Bastardi, avete truccato la finale»

Euro 2020, it's (not) coming home e agli inglesi brucia ancora aver perso la finale in casa. Solo che, in alcuni casi, gli strascichi di Italia-Inghilterra possono essere esilaranti e coinvolgere, addirittura, l'ambasciata italiana a Londra. Lo dimostra una lettera ricevuta e poi pubblicata su Twitter da Alessandro Motta, vicecapo della missione diplomatica italiana nel Regno Unito.

 

Leggi anche > Accoltella 16 gatti uccidendone 9: 5 anni di reclusione al Killer dei felini

 

Il contenuto della lettera è una serie incredibile di insulti e recriminazioni per il risultato della finale dell'Europeo. «F******i, sporchi bastardi, quella partita è stata f********e truccata, voi c******i avete vinto con la violenza, l'inganno e l'intimidazione; voi s*****i non sapete fare un gioco corretto, noi abbiamo perso con onore e voi f*****i p*******i non sapete neanche il significato di questa parola» - si legge nel testo - «Siete solo un mucchio di f*****i teppisti, ecco cos'è la vostra f*****a squadra, non sono in grado neanche di mettere piede in un campo di calcio... F*****o loro e f*****o voi!».

 

 

 

 

Il diplomatico italiano, spiazzato ma tutto sommato divertito, ha pubblicato una foto della lettera ricevuta, ironizzando non poco (con tanto di risata finale) sul tifoso che l'ha scritta e inviata in ambasciata: «Il fair play è un concetto conosciuto in tutto il mondo, che trova le sue origini nello sport moderno della Gran Bretagna...».

 

 

 

 

Non mancano i commenti ironici, come quello di un utente scozzese: «Be', quella lettera sicuramente non è stata spedita dalla Scozia». Ma anche risposte molto stizzite, come quella di un tifoso inglese che ha commentato: «Ma almeno non abbiamo cacciato i giocatori italiani nel nostro campionato, come avete fatto voi nel 2002». Il riferimento è al sudcoreano Ahn Jung-hwan, che militava nel Perugia e si vide rescindere il contratto dopo aver eliminato l'Italia ai Mondiali in patria. A quel commento ha replicato un tifoso italiano: «Voi invece avete fatto insulti razzisti ai vostri giocatori neri, decisamente meglio!». 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Luglio 2021, 20:55

© RIPRODUZIONE RISERVATA