Calcio in tv, la Serie A a Dazn per tre anni
di Emiliano Bernardini

Calcio in tv, la Serie A a Dazn per il triennio 2021-2024. Favorevoli 16 club, ma Sky valuta il ricorso

Lo scudetto si assegnerà in streaming. Dopo una lunga telenovela, tra una fumata nera e una battaglia a colpi di lettere, la Lega Serie A ha assegnato, con 16 voti a favore (il quorum è di 14), i diritti televisivi del triennio 2021-2024 a Dazn, che per il pacchetto principale ha offerto 840 milioni di euro. Per il pacchetto 2, contenente la co-esclusiva delle 3 gare, proseguiranno invece i colloqui tra la Lega e Sky (che ha offerto 70 milioni a stagione) fino a lunedì 29 marzo, quando l'offerta scadrà in base a quanto previsto nel bando

Sky pensa al ricorso

Ma potrebbero esserci altre nubi all’orizzonte. Sky starebbe valutando di fare ricorso. Lo ha appreso Mf Dow Jones da fonti vicine alla società. La motivazione del ricorso sarebbe legata, a quanto è emerso, all’assemblea del 23 marzo, dove il consulente tecnico nominato da via Rosellini – per valutare i rischi e le difficoltà di connessione su internet – si è riferito continuamente, anche per iscritto, all’offerta Dazn come «la proposta Dazn – Tim». Questo dettaglio renderebbe chiaro che, anche per la Lega, l’offerta è oramai un’offerta congiunta Tim-Dazn e quindi diversa da quella che era stata presentata in sede di partecipazione al bando e comunque condizionata al supporto tecnologico e finanziario di Tim. Sono elementi, proseguono le fonti, che darebbero appigli importanti per un ricorso in grado di contestare l'aggiudicazione dei diritti voluta dalla Lega. Uno scenario temuto dalle squadre in quanto questi strascichi legali impedirebbero loro di ottenere subito le anticipazioni bancarie sulle future fatture dei diritti del campionato.

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 26 Marzo 2021, 16:07

© RIPRODUZIONE RISERVATA