Dino Zoff, il mito: «Non mi sono mai piaciuti i furbi nel calcio. Il portiere? Deve saper parare»
di Fabrizio Ponciroli

Dino Zoff, il mito: «Non mi sono mai piaciuti i furbi nel calcio. Il portiere? Deve saper parare»

Dino Zoff è uno dei grandi monumenti del calcio italiano. Unico giocatore ad aver vinto Mondiali (1982) ed Europei (1968), è stato uno dei migliori portieri mai visti al mondo. Nel corso della sua lunga carriera, ha indossato le casacche di Udinese, Mantova, Napoli e Juventus. Conta ben 112 presenze con la Nazionale. Nato il 28 febbraio 1942, è ancora oggi un grandissimo appassionato di calcio...

 

Zoff, la Coppa del Mondo vinta nel 1982 è stato il momento più alto della sua carriera?
«Certamente. Aver vinto il Mondiale è stato il massimo, poi esserci riuscito a 40 anni è stato ancor più incredibile».

 

C'è una gara che le piacerebbe rigiocare?
«No, sono convinto che se le cose sono andate in un certo modo, è perchè dovevano andare in quella direzione. Ormai sono state giocate, non si può tornare indietro».

 

Chi è stato l'avversario che le ha dato più noia avere di fronte?
«Guardi, ho giocato contro tantissimi campioni. Posso dirle che non ho mai sopportato i furbi nel calcio. Oggi, con il VAR, non avrebbero più così tante occasioni per ingannare l'arbitro. Ecco, quelli non mi sono mai piaciuti».

 

E' cambiato il gioco del calcio rispetto ai suoi tempi?
«L'essenza è sempre la stessa. Si gioca sullo stesso campo di sempre, solo che ora gli spazi solo più limitati. Ormai le squadre stanno in pochi metri, c'è molto più fuorigioco ma l'essenza è sempre la stessa».

 

Ormai i portieri giocano con i compagni. Bisogna avere piedi buoni per essere un grande portiere?
«Non credo che uno sia un buon portiere se sa giocare bene con i piedi. Dovrebbe essere giudicato per la presa, per le capacità nelle uscite, per la reattività e non perchè sa giocare bene la palla con i piedi. Si chiama ancora portiere, ci sarà un motivo, no?».

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 28 Febbraio 2021, 16:52

© RIPRODUZIONE RISERVATA