Cristiano Ronaldo e il Portogallo vanno al Mondiale: battuta la Macedonia. Ibra e la Svezia no: passa la Polonia

Il Senegal elimina l'Egitto di Salah. In Qatar anche il Ghana e nello stadio in Nigeria scoppia il caos: invasione dei tifosi e campo devastato

Cristiano Ronaldo e il Portogallo vanno al Mondiale: battuta la Macedonia. Ibra e la Svezia no: passa la Polonia

Il sogno della Macedonia del Nord di partecipare ai Mondiali in Qatar si infrange sul terreno dello stadio Do Dragao di Porto, al cospetto del Portogallo. La squadra che aveva eliminato l'Italia nella semifinale degli spareggi iridati esce sconfitta dalla sfida contro il Portogallo per 2-0.

Stesso punteggio a discapito della Svezia, che aveva vinto i Playoff sempre contro l'Italia in vista di Russia 2018, ma a vantaggio della Polonia, che dunque andrà in Qatar. Nulla da fare, dunque, per Zlatan Ibrahimovic e compagni che devono arrendersi a un implacabile Robert Lewandowski: il centravanti del Bayern Monaco spiana la strada verso il successo alla propria squadra, trasformando il rigore conquistato da Krychowiak. A Chorzow arriva poi il raddoppio del giocatore del Napoli  Zielinski, che lancia in orbita mondiale i polacchi e stronca le ambizioni degli scandinavi guidati da Janne Andersson. Il portiere Olsen evita il tracollo ai "suoi" e nulla può Ibra, che entra in campo a 10' dalla fine del match senza però sfondare. Dice così addio all'ultimo, possibile mondiale. In Portogallo fanno festa Cristiano Ronaldo e C., liquidando la Macedonia del Nord che cade sotto i colpi di Bruno Fernandes, autore di una doppietta su assist dello stesso CR7 e di Diogo Jota. La squadra di Fernando Santos va in Qatar e dunque partecipa per la quinta volta alla fase finale dei Mondiali.

Il Senegal, com'era già avvenuto nella finale della Coppa d'Africa, dopo lo 0-1 dell'andata, batte l'Egitto ai rigori e conquista un posto per il Qatar. L'autorete di Fathy al 4' pt permette ai padroni di casa di andare ai supplementari, quindi ai rigori. Mané trasforma quello decisivo, gli egiziani falliscono con Salah, Sayed e Mostafa. Finisce 4-1. Va in Qatar anche il Ghana, che pareggia 1-1 in Nigeria dopo lo 0-0 dell'andata. I 'Black Stars', in vantaggio al 10' con Partey, vengono raggiunti dalle Super Aquile nigeriane al 22' su rigore con Troost-Ekong. L'assalto finale di Osimhen e compagni alla porta difesa da Wollacott non produce gli effetti sperati, ma anzi scatena la rabbia dei tifosi. Dopo il fischio finale, centinaia di persone entrano sul terreno di gioco ad Abuja per sfogare la propria rabbia, distruggendo i sedili della panchina e le bandierine del corner; anche il campo viene devastato. Per riportare l'ordine la polizia deve fare ricorso ai lacrimogeni. Adesso sono 24 le Nazionali qualificate, all'appello ne mancano 8: una europea (la vincente di Galles/Ucraina-Scozia), tre africane, due del Centro e del Nordamerica (Concacaf), oltre alle due vincenti degli spareggi intercontinentali (accoppiamenti Asia-Conmebol e Concacaf-Oceania). 


Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Marzo 2022, 23:32

© RIPRODUZIONE RISERVATA