Bernardeschi, la legge dell'ex: Allegri piega la Fiorentina, la finale sarà Inter-Juventus

Bernardeschi, la legge dell'ex: Allegri piega la Fiorentina, la finale sarà Inter-Juventus

di Fabrizio Ponciroli

Missione compiuta. La Juventus fa il suo dovere e strappa il pass per la finale di Coppa Italia. Forte dell'1-0 dell'andata, i bianconeri si impongono anche all'Allianz Stadium. Finisce 2-0 grazie alle reti di Bernardeschi, uno dei tanti ex viola nelle fila della Vecchia Signora, e al sigillo finale di Danilo. I bianconeri si regalano quindi l'occasione di portarsi a casa un trofeo in questa tribolata stagione (sarà la 21a finale di Coppa Italia della Juventus, vincitrice in 14 occasioni). Lo fanno con Dybala spettatore in panchina per 65', l'ennesimo segnale di come Allegri stia già progettando la Juventus del futuro, quella senza la Joya.

Una gara in cui i gigliati hanno avuto spesso il controllo della partita ma, a livello di occasioni, non hanno mostrato la necessaria cattiveria. Brava la Juventus nelle ripartenze come nell'occasione del gol di Bernardeschi (32'), arrivato anche grazie a un'uscita a farfalle di Dragowski. Il massimo sforzo degli ospiti si materializza nella ripresa. Miracolo di Perin su colpo di testa di Martinez Quarta. La Fiorentina alza i giri del motore, la Juventus si difende ma fa paura in contropiede (palo esterno di Zakaria).
Dopo tante emozioni, compreso un gol annullato dal VAR a Rabiot, Danilo nel recupero fissa il finale sul 2-0. Con cinismo e personalità, la Juventus festeggia una vittoria che premia l'ostinazione di Allegri, sempre proiettato al risultato prima che al bel gioco. Onore alla Fiorentina che gioca con grande personalità ed esce dal campo a testa alta. La mano di Italiano è ben visibile. Appuntamento, con la Coppa Italia, al prossimo 11 maggio quando all'Olimpico Juventus e Inter si giocheranno il trofeo, proprio come nell'ultima edizione della Supercoppa Italiana.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Aprile 2022, 08:43

© RIPRODUZIONE RISERVATA