Aggressione allo Sporting, sei calciatori rescindono. Le big italiane pronte all'assalto

Aggressione allo Sporting, sei calciatori rescindono. Le big italiane pronte all'assalto

Lo Sporting Lisbona potrebbe perdere diversi giocatori a parametro zero per l'episodio dell'assalto, avvenuto il 15 maggio scorso, nel ritiro di Alcochete, quando un centinaio di ultras incappucciati aggredirono alcuni membri della squadra portoghese. Sono sei i calciatori che hanno chiesto la rescissione per giusta causa, e tra loro ce ne sono alcuni che fanno gola a diversi club, anche di Serie A.

L'aggressione ai danni della squadra portoghese

L'ultimo in ordine di tempo è l'attaccante olandese Bas Dost, accostato nelle ultime settimane anche al Milan ma che sembra indirizzato al Siviglia: in precedenza a fare le valigie erano stati Gelson Martins, potenzialmente un colpo pazzesco in relazione all'età (è un 1995), Daniel Podence e tre potenziali obiettivi di mercato delle squadre italiane. Da William Carvalho, considerato il fiore all'occhiello della squadra, a Bruno Fernandes, ex giocatore di Sampdoria e Udinese che piace alla Roma di Monchi, fino a Rui Patricio, individuato dal Napoli di De Laurentiis come ideale sostituto di Reina (passato al Milan).

Martedì 12 Giugno 2018, 11:23



© RIPRODUZIONE RISERVATA