Il Cagliari supera un buon Crotone 4-2, Di Francesco può sorridere
di Francesco Caruso

Il Cagliari supera un buon Crotone 4-2, Di Francesco può sorridere


Vittoria sofferta, il Cagliari batte un coriaceo Crotone per 4 a 2 al termine di una partita divertente e aggancia Roma e Lazio all'ottavo posto. Alle reti di Messias e Molina per i calabresi , hanno risposto i gol di Lykogiannis, Simeone, Sottil e Joao Pedro per i sardi.

Di Francesco, alla ricerca del bis dopo la vittoriosa trasferta di Torino, ha confermato il nuovo modulo, 4-2-3-1, con Joao Pedro restituito alla sua posizione naturale. Qualche interprete nuovo per Stroppa rispetto al sorprendente pari con la Juventus, ma non mentalità e modulo identici: uno "spumeggiante" 3-5-2. Primo tempo divertente, con le squadre che hanno giocato a viso aperto. Crotone che prima ha subito il Cagliari, vicino al gol già a 2' con Joao Pedro, e poi ha sbloccato il match. Bellissima l'azione prolungata che a 19' ha portato al gol Messias: il cross di Reca ha trovato in area il brasiliano che di prima intenzione ha battuto Cragno. La favola del "folletto" di Belo Horizonte si è completata dopo 5 anni: dai tornei amatoriali UISP di Torino, al primo gol in serie A. La rete subita ha svegliato il Cagliari, che dopo un buon inizio ha sofferto il gioco spumeggiante del Crotone. La squadra di Eusebio Di Francesco, guidata dal rumeno Marin a centrocampo, ha trovato prima il pari con una punizione perfetta di Lykogiannis e ha poi ribaltato il risultato con Simeone lanciato da un preciso filtrante da Joao Pedro.

Primo tempo tutt'altro che finito con la squadra di Stroppa che ha costruito e attaccato a testa bassa fino al 2 a 2 di Molina al 42'. Partita bellissima, appena due minuti e al 44' il Cagliari ha trovato il nuovo vantaggio con Riccardo Sottil. L'ex Fiorentina, anche lui alla prima marcatura in serie A, ha "schiacciato" in porta il cross perfetto di Zappa. Cinque reti nei primi 45' minuti e due stili di gioco differenti: al Crotone il possesso palla, al Cagliari il gol in più che ha permesso ai sardi di andare all'intervallo in vantaggio. Secondo tempo che si è aperto con la doccia "fredda" per il Crotone che ha perso l'ex Luca Cigarini per doppia ammonizione dopo appena tre minuti. I calabresi, tuttavia, non si sono arresi, rispondendo colpo su colpo a un Cagliari che non ha sfruttato la superiorità numerica. Guidati da un Messias e un Simy a tratti imprendibile per i sardi, la squadra di Stroppa ha calato il possesso palla, ma è andata più vicina al 3 a 3 che a subire la quarta rete.
Almeno fino al gol di Joao Pedro all'84', assegnato al brasiliano dal Var, dopo una segnalazione di fuorigioco errata, che ha tramortito definitivamente le speranze della squadra di Stroppa. Il Cagliari sale a sette punti e aggancia Roma, Verona e Lazio all'ottavo posto, il Crotone rimane ultimo in classifica con un punto. Tuttavia giocando in questo modo l'obiettivo salvezza per la squadra di Stroppa è tutt'altro che proibitivo.
 


Ultimo aggiornamento: Domenica 25 Ottobre 2020, 14:49

© RIPRODUZIONE RISERVATA