Bodo-Glimt-Roma, Mourinho non cerca scuse: «E' tutta mia la responsabilità»

Bodo-Glimt-Roma, Mourinho: «E' tutta mia la responsabilità»

Una batosta europa di proporzioni inaspettate. Mentre il gelo, in tutti i sensi, cala in Norvegia la temperatura sui social si fa torrida. La Roma che prende sei gol con il Bodo/Glimt è un evento che i tifosi non volevano vivere. Ed ecco che arrivano le parole di Mourinho, in tv, per spiegare quanto è successo in Conference Leauge: «La responsabilità è la mia, sono stato io a decidere di giocare con questa squadra. L'ho fatto con buone intenzioni, doppia: per far giocare gente che lavora tanto ma non gioca tanto. E l'ho fatto con la rosa che abbiamo, per far riposare gente che gioca sempre. In un campo artificiale, con questo clima ho deciso di far riposare tanti. Abbiamo perso contro una squadra che ha più qualità di noi».

«Ho deciso in una fase a gironi, con tutte queste partite, di fare questi cambi. Conoscevo i limiti di alcuni dei nostri giocatori, nulla di nuovo, ma non mi aspettavo tutto questo. Ferite dopo questa sconfitta? Le ferite rimangono sempre, ho però parlato con i giocatori nello spogliatoio: sono stato onesto con loro, non posso esserlo con voi (giocatori). L'ho fatto nell'intimità di una famiglia, una bella famiglia, ma non ho mai nascosto che questa è una squadra con tante limitazioni. Un conto è la Roma di 12-13 giocatori, un conto è oggi. Così nessuno mi farà più la domanda perché giocano sempre gli stessi..».

«La nostra squadra principale sta giocando bene, con una grande mentalità. La stessa che avremo per affrontare il Napoli con il peso sulle spalle di una sconfitta storica. Non avevo mai preso 6 gol in carriera ma il problema non è quello che penso io. Non è tanto per me, è per i ragazzi. La mia spiegazione ai Friedkin? Una spiegazione normale, che già avevo detto in privato prima di questo 6-1. Cercherò di fare tutto il possibile per rendere interne le cose, se far entrare quello che viene da fuori».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Ottobre 2021, 21:08

© RIPRODUZIONE RISERVATA