Balotelli, cori razzisti contro il giocatore del Brescia: partita sospesa per tre minuti. Ma l'allenatore del Verona: «Solo sfottò» VIDEO

Balotelli, cori razzisti contro il giocatore del Brescia: partita sospesa per alcuni minuti

Cori razzisti contro Mario Balotelli a Verona durante la partita tra Brescia e Gialloblu. L'attaccante del Brescia, vittima di ripetuti cori razzisti, i famigerati ululati rivolti ai giocatori di colore, ha preso il pallone e lo ha scagliato contro la curva del Verona rea di averlo preso di mira. A quel punto è arrivata l'ammonizione dell'L'arbitro Mariani nei confroti di Balotelli che - ancora più irritato - ha minacciato di lasciare il campo da gioco. Sono stati i giocatori del Brescia e alcuni avversari a fermare Balotelli e a convincerlo a rimanere in campo. A quel punto l'arbitro Mariani ha fermato il gioco per alcuni minuti, mentre lo speaker dello stadio Bentegodi avvertiva i tifosi del Verona: qualora i cori razzisti nei confronti di Balotelli dovessero essere reiterati la partita sarà sospesa definitivamente. 

Leggi anche > Cori razzisti, da Balotelli al Napoli: fermate le partite

 
  Di tutt'altro avviso Juric, l'allenatore del Verona, che respinge le accuse di cori razzisti, e minimizza, parlando di semplici sfottò. «Oggi non c'era nessun ululato razzista, grandi fischi, sfottò, nei confronti di un grande giocatore e nient'altro. Altre volte mi sono sentito dire 'Zingaro di merdà, ma oggi niente. Chiedete a Balotelli quello che ha sentito lui per reagire così». Il tecnico del Verona, Ivan Juric, a Sky Sport smentisce che a Verona ci siano stati episodi di razzismo contro Supermario. «Non ho alcun problema a denunciare cori, se ci sono, anche se a farli sono i nostri tifosi - aggiunge - sono cose che non si possono accettare nel 2019. Ma oggi non c'è stato proprio niente»
Domenica 3 Novembre 2019, 16:29



© RIPRODUZIONE RISERVATA