Virtus Roma, futuro appeso a un filo. Toti:
"Pago e iscrivo la squadra", poi la doccia gelata

Virtus Roma, futuro appeso a un filo. Toti: ​"Pago e iscrivo la squadra", poi la doccia gelata

di Piergiorgio Bruni
ROMA - Il futuro della Virtus Roma è appeso ad un filo. Sottilissimo e, forse, irreparabilmente smagliato. La conferenza stampa di ieri del presidente Toti, nata con l'intento di far chiarezza sul momento della società e (forse) sciogliere ogni dubbio sul futuro immediato, è naufragata sotto il peso dei regolamenti.





Il numero uno giallorosso, infatti, aveva esordito dicendo «verserò entro domani (oggi, ndr) i 20mila euro della rata in Fip valida per l'iscrizione e, valuterò se presentare la fidejussione in Lega entro il 15 luglio. Dipende da una serie di contatti». Un proclama che aveva riacceso, seppur flebilmente, le speranze. Poi, sul finire dell'incontro, il colpo di scena. Saputo che in caso di successiva rinuncia, la normativa prevede una multa salatissima (200mila euro prima della stesura del calendario, 400mila dopo), il suo umore è cambiato nettamente. «E allora non la iscrivo», si è lasciato sfuggire. Un dietrofront che ha lasciato tutti basiti.



La verità si saprà stasera ma nella testa dei tifosi, inevitabilmente, ancora riecheggiano seducenti alcune sue dichiarazioni. Frasi dette prima della doccia gelata e che avevano riconsegnato un briciolo di dolce illusione: «Quello che può accadere è che al momento siamo in contatto con due sponsor nazionali. Se andranno in porto queste trattative potremo coprire i costi per la prossima stagione». Un'annata che, comunque, Toti aveva definito da «lacrime e sangue, spendendo per la squadra attorno ai 2,5 milioni di euro». Spiegando pure che, ogni cosa, sarebbe stata subordinata ad un incontro col sindaco Marino per mettere in piedi una strategia volta alla realizzazione dello «stadio della Virtus». Anche perché è scaduto il contratto di concessione per il Pala Tiziano e, nonostante il desiderio di continuare ad utilizzarlo come campo di gara, serve una palestra per gli allenamenti. Ma queste, purtroppo, ora sembrano essere soltanto parole sciape di significato. Oppure no? Lo sapremo entro oggi, giorno di chiusura delle iscrizioni al campionato.
Ultimo aggiornamento: Giovedì 9 Luglio 2015, 09:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA