Basker, Datome trascina l'Olimpia che brinda in Supercoppa: Virtus Bologna ko 75-68
di Fabrizio Ponciroli

Basker, Datome trascina l'Olimpia che brinda in Supercoppa: Virtus Bologna ko 75-68

Missione compiuta. L’Olimpia si porta a casa la Supercoppa. In quel di Bologna, la squadra di Messina si impone sulla Virtus 75-68. Prova di carattere dei biancorossi, bravi a gestire al meglio i momenti clou del match. Applausi per Datome, MVP del match (17 punti). Il capitano della Nazionale torna a vincere un trofeo in Italia a distanza di 16 anni da autentico protagonista. Nel primo quarto buona Olimpia ma Micov esce per infortunio (problema al gomito, da valutare). 
La Virtus ha il merito di restare sempre in linea di galleggiamento. Milano accelera e, con Datome protagonista, vola a +14. Dopo l’intervallo, i biancorossi smettono di giocare: 18 a 8 parziale per le V Nere e gara riaperta (53-51 Milano al 30’). Messina è una furia. Milano si affida alla difesa (mostruoso Hines). 
La Virtus non molla ma Datome e Rodriguez la affossano definitivamente nel finale. 
Per l’Olimpia si tratta della quarta Supercoppa della propria storia (vinta da imbattuta). «La Virtus è una grande squadra. A inizio quarto periodo abbiamo fatto tre difese importanti. Era un mio obiettivo vincere in Italia da protagonista. Comunque siamo solo a settembre», il commento dello stesso Datome. «Abbiamo fatto un buon torneo. Vincere qui dopo aver perso Micov è qualcosa che ci fa molto piacere», le parole di coach Messina. Il modo migliore per avvicinarsi all’inizio del campionato. Appuntamento a domenica prossima sul campo di Reggio Emilia. 
Ultimo aggiornamento: Domenica 20 Settembre 2020, 22:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA