LeBron James e la seconda giovinezza: «Forse è merito del vino, ne berrò di più»
di Enrico Chillè

LeBron James e la seconda giovinezza: «Forse è merito del vino, ne berrò di più»

LeBron James, a 35 anni, sta vivendo una seconda giovinezza. Alla faccia di chi, dopo la prima, deludente stagione in maglia Lakers, lo aveva già dato per finito. Se lo scorso anno a Los Angeles, il cestista di Akron non era riuscito neanche a raggiungere i playoff, ora le cose sono cambiate completamente. Con i 29 punti inflitti ai New Orleans Pelicans (110-114 il finale a favore dei Lakers), LeBron James ha definitivamente sancito la sua 'revenge season'.

Leggi anche > Lele Adani nella bufera per la telecronaca di Slavia Praga-Inter. Sui social: «Troppe urla, troppo di parte»

La strada per i Lakers è ancora lunga, ma intanto LeBron James ha raggiunto il club dei '33mila punti', diventando anche il più giovane di sempre a tagliare questo traguardo. Davanti a lui, nella classifica di tutti i tempi della Nba, restano solo Kobe Bryant a 33.643, Karl Malone 36.928 e Kareem Abdul-Jabbar a 38.387. Ora LeBron si prende la sua rivincita, alternando dichiarazioni serie a battute scherzose su una delle sue passioni: il buon vino.

«Ho sempre voluto non avere alcuna debolezza, questo è stato sempre il mio obiettivo. La squadra ora funziona, abbiamo anche ottimi tiratori» - ha dichiarato LeBron James, riportato da Espn - «La mia primavera è tornata, va tutto a meraviglia: il salto è quello dei tempi migliori, il mio corpo sta benissimo e sto bene anche mentalmente. Non so cosa stia succedendo, ma mi sento incredibilmente bene. Potrebbe essere il vino che sto bevendo, se continuo a giocare così ne berrò un po' di più».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 28 Novembre 2019, 13:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA