Roma femminile, tutti gli investimenti di Friedkin e quell'incontro con Bavagnoli

Spugna ha rinnovato fino al 2026

Roma femminile, tutti gli investimenti di Friedkin e quell'incontro con Bavagnoli

di Giuseppe Mustica

Spugna-Roma è un matrimonio che, come anticipato, durerà almeno un altro paio di stagioni. Ufficiale infatti l'accordo tra la società e il tecnico fino al 2026. Ma oltre questo ci sono un altro paio di cose da sottolinerare dentro il mondo della Roma femminile guidata da Betty Bavagnoli. C'è la voglia dei Friedkin di investire in maniera costante, ma oculata, per un club che in poco tempo ha vinto tre trofei, ha conquistato per il terzo anno di fila la qualificazione alla Champions League con otto giornate di anticipo e che si appresta a vincere il secondo scudetto di fila: otto punti a otto giornate dal termine sono tantissimi.

Roma femminile, Spugna ha firmato il rinnovo del contratto fino al 2026

Incontro Friedkin-Bavagnoli

Sin dal loro insedimento la proprietà americana ha deciso di investire. Non solo a parole, ma anche e soprattutto con i fatti. Ed è sotto questo aspetto che deve essere letto l'incontro tra Dan Friedkin e Betty Bavagnoli di qualche tempo fa dove la dirigente ha messo nero su bianco le richieste. Arrivate prima, anche: perché il club ha messo dentro lo staff nuove figure - dal reparto scouting a quello medico - e ha deciso di mettere sul piatto 300mila euro per rendere il Tre Fontane, immobile non di proprietà della società, a norma per la Champions League.

Fatti che sono lì, che possono essere "toccati" con mano. E questo ha portato anche all'arrivo di nuovi sponsor perché nessun club in Serie A ne ha "dedicati" alla squadra femminile. Ma non è finita qui, perché gli obiettivi sono altri.

Campo e palestra, le ultime

Come sappiamo le ragazze di Spugna si allenano al Centro di Preparazione Olimpica del Coni dove, al momento, condividono con le altre nazionali la palestra. Ci sono degli orari prestabiliti. Bene, Friedkin sta cercando di capire se ci sono i margini affinché la sua squadra possa avere uno spazio ad uso esclusivo.  Anche in questo modo si cresce. Anche in questo modo si può puntare ad arrivare in fondo alla massima competizione europea. Perché l'obiettivo, tra un paio di anni, non può che essere quello. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 20 Febbraio 2024, 09:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA