Sophia Floersch, il primo post dopo 11 ore di operazione alla schiena. E c'è un messaggio all'Italia
di Simone Pierini

Sophia Floersch, il primo post dopo 11 ore di operazione alla schiena. E c'è un messaggio all'Italia

Sophia Floersch ha pubblicato su Instagram il primo post dopo 11 ore di operazione alla schiena. E nel suo messaggio c'è un ringraziamento all'Italia«Sono sopravvissuta all'operazione, ci sono volute 11 ore. Spero che ora possa solo andare meglio. Un grande grazie ai medici di Macao, al locale staff di soccorso della Fia, al dr. Riccardo Ceccarelli, al mio team e ai compagni di squadra. Tornerò. Vorrei poi dire che la Dallara ha costruito davvero un grande telaio». Queste alcune delle parole della 17enne pilota che suonano come un inno al Made in Italy, perché la scuderia emiliana, la Dallara, con il suo telaio le ha di fatto salvato la vita dopo il terrificante incidente di domenica a Macau, in F3.

Operata dopo l'incidente in pista, come sta la giovane pilota tedesca

Chi è Sophia Floersch, la pilota coinvolta nel terribile incidente di Macao



«Ringrazio tutti i fan per ogni messaggio di buona guarigione che ora leggerò. È tutto molto incoraggiante e mi dà forza. I miei pensieri sono anche con tutti coloro che sono stati coinvolti nell'incidente. Spero stiano tutti bene. Tante belle persone mi sono state intorno nel momento dell'incidente, li porto tutti con me. Grazie per le incoraggianti in quei difficili momenti quando ero in auto».

Sophia Floersch prende il volo e si schianta: frattura spinale

«Sono orgoglioso: il merito è dei nostri ragazzi in fabbrica e della capacità del Made in Italy; in particolare per gli accorgimenti nella parte anteriore della vettura che sono riusciti a preservare le gambe di Sophia». Giampaolo Dallara, fondatore e patron della scuderia, dall'Italia ha risposto con orgoglio alla giovane pilota. «La chiamerò quando starà meglio», dice l'82enne ingegnere emiliano, che cominciò a lavorare nel settore in Ferrari con l'ingegner Chiti.
 

Dallara Automobili, in 45 anni di attività, è diventata un piccolo gioiello emiliano dei motori, con un fatturato di 74,5 milioni nel 2017, un futuristico centro di ingegneria a Indianapolis da dove escono le Indycar, 200 vetture da competizione prodotte ogni anno. È presente in F3, è fornitore unico di Indycar, Gp2, Gp3 e altre categorie. Ma è nel campo della sicurezza che ha fatto passi da gigante, come sa bene Sophia. 
Ultimo aggiornamento: 18:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA