Michael Johnson colpito da ictus, paura per l'ex atleta: ecco come sta

Michael Johnson colpito da ictus, paura per l'ex atleta: ecco come sta

Tanta preoccupazione per Michael Johnson, leggenda dell'atletica che per tanti anni ha detenuto due record mondiali sui 200 metri (poi battuto da Usain Bolt) e sui 400 metri (poi battuto da Wayde Van Niekerk). All'inizio del mese di settembre, infatti, Michael Johnson è stato colpito da un piccolo ictus, che lo ha lasciato temporaneamente paralizzato e lo ha costretto alla riabilitazione.

Lele Spedicato dei Negramaro sta meglio: la bella notizia negli ultimi giorni

A rivelarlo è il diretto interessato, che ha aggiornato i propri follower su Twitter dopo un primo post che aveva sconvolto il mondo. Era l'8 settembre, infatti, quando Michael Johnson aveva twittato: «La scorsa settimana ho sofferto un attacco ischemico transitorio. Ora sono a casa con la mia famiglia, sulla via del recupero».

Da quel momento, Michael Johnson, leggenda dell'atletica ritiratosi dopo le Olimpiadi di Sydney nel 2004, ha intrapreso un duro percorso riabilitativo, ricominciando lentamente a camminare dopo i problemi di mobilità causati dall'ictus. In queste settimane, però, Michael Johnson ha lavorato duramente, proprio come aveva fatto durante la sua carriera agonistica, per rimettersi in forma.

Tre giorni fa, l'ultimo aggiornamento che fa ben sperare i fan: «Un mese fa ho sofferto un ictus. Non potevo neanche camminare e i medici avevano detto che solo il tempo ci avrebbe fatto capire le reali conseguenze. Non è facile, ma ho ricominciato a camminare e a fare anche attività fisica. Grazie per tutti i vostri messaggi di incoraggiamento!».

Dopo il ritiro, Michael Johnson ha continuato a lavorare in ambito sportivo, come consulente atletico del club calcistico dell'Arsenal e della scuderia Williams in Formula 1, fondando anche la Michael Johnson Performance, un'impresa di preparazione fisica.
 



 

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 30 Settembre 2018, 22:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA