Internazionali tennis, dg Sport e Salute Nepi Molineris: «L'idea è replicare eventi clou in periferia»

Internazionali tennis, dg Sport e Salute Nepi Molineris: «L'idea è replicare eventi clou in periferia»

di Ida Di Grazia

Internazionali tennis, dg Sport e Salute Nepi Molineris: «L'idea è replicare eventi clou in periferia». Pronti a registrare il record di spettatori con il ritorno del grande pubblico sugli spalti,  Roma torna ad essere al centro del mondo. Un successo che può essere di ispirazione per introdurre un sistema di 'moltiplicazione' dei luoghi di sport nelle città proprio seguendo la scia dei grandi eventi sportivi.

Leggi anche > Bebe Vio Grandis, i WEmbrace Games a Roma insieme a Leggo: «Il mio sogno? Fare sempre di più per aiutare gli altri»

Diego Nepi Molineris, direttore generale di Sport e Salute (Credits sportesalute.eu), prende spunto dal successo degli Internazionali d'Italia di tennis, evento clou della Capitale, per disegnare il rapporto ideale tra Evento e pratica motoria in periferia

«L'idea della società pubblica che si occupa dello sviluppo dello sport in Italia è quella di applicare lo spin off, concetto 'economico' che indica come un ramo d'azienda possa diventare azienda a sua volta, alla creazione dei luoghi di sport in tutto il Paese. Per dare a Sport & Salute una fisionomia descrittiva, l'abbiamo immaginata come una sorta di sistema solare dello sport italiano - la riflessione del dg all'Ansa - . C'è un pianeta centrale che produce energia e un sistema di pianeti più piccoli in costante evoluzione che, grazie a un meccanismo di moltiplicazione dà vita ad altri pianeti».

Il sistema è pensato come sostegno economico di tipo orizzontale e 'democratico, in grado di produrre risorse con i grandi eventi da rinvestire sul territorio, dal centro alle periferie, per una replicazione di luoghi di pratica sportiva. «Quando rifletto sul fatto che l'azienda è un 'pianeta' produttore di risorse, non mi riferisco soltanto al sostegno e finanziamento tradizionale dello sport di vertice e di base - prosegue Nepi Molineris - ma piuttosto alla creazione di una vera e propria rete, il più possibile capillare: immaginiamo che i pianeti maggiori siano i grandi eventi sportivi realizzati da 'Sport e Salute' in partnership con la galassia dello sport italiano e cioè federazioni, enti di promozione sportiva e discipline associate, dagli Internazionali a Piazza di Siena passando per il beach, il taekwondo, lo skateboard, il padel e tutti gli altri. Ecco, questi 'pianeti' sono in grado di generare risorse che saranno poi riutilizzate nei quartieri delle nostre città, creando quella rete di realtà sportive del territorio». 

Rispetto al tradizionale concetto di mutuo sostegno, Nepi Molineris individua nel modello 'spin off' una differenza sostanziale: «Come gli alberi ad alto fusto che circondano il Foro, un insieme di unità replicate, i rami, che insieme costituiscono l'architettura generale dell'albero: un ramo di quell'albero è in grado di generare un'altra pianta, e gli alberi saranno due. Ecco, questa è la nostra missione: generare risorse con i grandi eventi e utilizzarle nelle città replicando quanto più possibile l'albero e la sua chioma, i luoghi di sport, allargandola verso le periferie. E' insomma un modello di autogenerazione sia sul piano dell'impiantistica sia su quello dell'occupazione. Fare in modo che lo sport sia in grado di produrre altro sport attraverso il principio della moltiplicazione è il sogno e l'obiettivo di ognuno di noi». 


Ultimo aggiornamento: Martedì 10 Maggio 2022, 13:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA