Volley, Milano riecco Piano: «Pronto per nuove sfide e vittorie»
di Massimo Sarti

Volley, Milano riecco Piano: «Pronto per nuove sfide e vittorie»

Vedendo Matteo Piano con gli occhi lucidi dopo il 3-0 dell'Allianz Powervolley su Verona in Coppa Italia, è riaffiorato questo suo pensiero di qualche mese fa: «Essere forti vuol dire anche capire le proprie fragilità». Il capitano di Milano, nonché centrale azzurro (159 presenze), lo aveva espresso lo scorso maggio in una videointervista con l'ex palleggiatore Giacomo “Jack” Sintini, che (a proposito) seppe essere più forte di un tumore del sistema linfatico, tanto da tornare nel 2012 a giocare in A ed a vincere lo scudetto con Trento nel 2013. Maggio: il lockdown si stava lentamente allentando. Lo sport era fermo, ma i suoi valori positivi venivano evocati come risorse per affrontare l'emergenza. Compreso l'allenamento non solo del fisico, ma anche della mente e del cuore.

«Avevo molti sentimenti dentro. Ho cercato di trattenermi, perché era davvero tanto, forse troppo. Tornare è stato davvero emozionante», ha detto Piano dopo aver stampato il muro finale nel felice esordio stagionale di Milano. Il giocatore originario di Asti (compirà 30 anni il prossimo 24 ottobre) non disputava una partita ufficiale dal 13 ottobre 2019, quando si procurò in Nazionale durante la Coppa del Mondo in Giappone la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Addirittura Piano non indossava da titolare la casacca dell'Allianz Powervolley dal 24 febbraio 2019, prima di un altro infortunio muscolare. Lockdown personale terminato per Matteo, con la forza di un recupero voluto con il fisico, la mente e il cuore. Ma anche con la fragilità di quegli occhi lucidi. Adesso si guarda avanti, ai prossimi impegni di Milano: sabato 19 e mercoledì 23 settembre le altre due gare degli ottavi di Coppa Italia contro Vibo Valentia e Monza, poi la SuperLega da domenica 27 e in Europa la Challenge Cup. Per l'Allianz Powervolley anche Piano, seppur giochi sotto la Madonnina dal 2017, è un nuovo acquisto: «Voglio bene ai miei compagni, abbiamo trovato il nostro modo di essere squadra. Saremo esigenti e questo ci aiuterà a crescere». Sullo sfondo l'appuntamento in azzurro con i Giochi Olimpici di Tokyo, rinviati a causa della pandemia mondiale al luglio 2021.

Sfide da affrontare anche con la forza della mente, frutto di un articolato percorso effettuato con la psicologa dello sport Cecilia Morini. Un cammino che ha prodotto un libro elaborato a quattro mani: «Io, il centrale e i pensieri laterali» (2019, Baldini & Castoldi). «Sono arrivato ad acquisire forza, presenza e consapevolezza dopo aver imparato ad essere benevolente con me stesso e accettato di poter essere fragile e vulnerabile», ha scritto Piano in quella circostanza. Anche queste sono parole da capitano.   


Ultimo aggiornamento: Lunedì 14 Settembre 2020, 19:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA