X Factor 2020, Emma Marrone in lacrime difende Casa di Lego contro il body shaming: «Vorrei prestarti i miei occhi»
di Ida Di Grazia

X Factor 2020, Emma Marrone in lacrime difende Casa di Lego contro il body shaming: «Vorrei prestarti i miei occhi»

X Factor 2020, Emma Marrone in lacrime difende Casa di Lego contro il body shaming: «Vorrei prestarti i miei occhi». La giovanissima cantante di Teramo, aveva ammesso di soffrire molto per i commenti sul suo aspetto fisico che legge sui social dopo le performance.

 

Leggi anche > X Factor 2020, seconda puntata: Eda Marì perde al ballottaggio contro Santi

Casa di Lego ha solo 17 anni ed è la più giovane concorrente di questa edizione di X Factor 2020. Durante il daily aveva confessato al suo giudice, Hell Raton, di soffrire nel leggere i commenti sui social a proposito del suo aspetto fisico. Un vero e proprio body shaming su una ragazza dal talento innegabile.

 

Durante la seconda puntata a chiudere l'ultima manche di X Factor 2020 è stata proprio Casa Di Lego che ha cantato in modo magistrale "Sunny "di Billie Eilish. «Cosa posso dire senza essere di troppo - commenta Manuel Agnelli - abbiamo trovato un talento vocale che ha bisogno di essere protetta, è una cosa rara».

 

E' il turno di Emma Marrone che non si limita al semplice commento sulla performance, in lacrime parla con il cuore in difesa di Casa Di Lego e contro il bodyshaming: «Vorrei prestarti i miei occhi per farti vedere quanto è bello vedere una cosa così bella, non omologata a tutto quello che ci stanno propinando su instagram, twitter, tiktok tutta la me*da. Ti auguro di avere sempre la luce di vedere le mani giusti in quali stare. Ti auguro di finire sempre nelle mani giuste».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 6 Novembre 2020, 00:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA