Tina Cipollari: «Io opinionista per caso, ma ora non mollo. Uomini e Donne è come una famiglia»
di Ida Di Grazia

Tina Cipollari: «Io opinionista per scherzo, ma ora non mollo. Uomini e Donne è come una famiglia»

Tina, all’anagrafe Maria Concetta Cipollari, è uno dei volti storici di Uomini e Donne. Partita come corteggiatrice è diventata in breve tempo, grazie alla sua simpatia, l’opinionista per eccellenza. Non fa sconti ai tronisti o alle corteggiatrici di turno ed è decisamente senza peli sulla lingua.

Chi è Maria Concetta fuori dal personaggio di Uomini e Donne?
«Sono una mamma a tempo pieno di tre splendidi figli, 13-14-18 anni. Mi piace proprio seguirli in prima persona, da quando poi mi sono separata dal mio ex marito è aumentata un po’ la mia ansia e cerco in tutti i modi di far sentire loro il senso della famiglia. Fortunatamente io e Chicco (Kikò Nalli, ex marito ed ex concorrente del GF ndr) siamo molto affiatati. Non abbiamo avuto una separazione traumatica fatta di tradimenti ecc. semplicemente era finito l’amore e abbiamo deciso di comune accordo di dividerci. I figli sono per entrambi la cosa più importante che abbiamo costruito insieme, andiamo anche in vacanza insieme per far sì che non sentano distacco. Sono una mamma attenta, molto apprensiva, poi adesso il più grande che ha quasi 18 anni esce più spesso la sera e quindi le preoccupazioni aumentano».
 

 

Ma nella vita di tutti giorni come la chiamano, Tina?
«Io sono sempre stata Tina, da bimba mi chiamavano Concettina e poi man mano è diventata Tina. Sono sempre io (ride ndr)».

È una mamma severa?
«Non credo, in realtà lo è più il papà, si rifugiano dalla mamma quando vogliono qualcosa. Direi che sono severa al punto giusto».

Quando le iene le hanno fatto credere che suo figlio era invischiato in un giro di corse clandestine non è sembrata troppo accomodante però
«È stato uno scherzo atroce, mi sono tanto preoccupata. Mi hanno fatto vedere i filmati di mio figlio che parlava con gente adulta; dalla scuola, che era complice, mi dicevano che faceva tante assenze, si parlava di debiti ho avuto paura e dovevo fare qualcosa. Ho pensato “solo la legge può aiutarmi” e infatti mi hanno fermata mentre stavo andando in commissariato. Quando mi hanno detto che era uno scherzo li ho ringraziati perché era finito un incubo. Mattias (il figlio ndr) mi ha poi detto che ci stavano lavorando da tre mesi». 

Com’è iniziata la sua storia all’interno di Uomini e Donne? Ci racconta la sua chiamata alla redazione per partecipare come corteggiatrice?
«La verità è che è nato tutto per scherzo. Sono stata io a contattare loro, mia sorella vedeva il programma e mi ha chiesto di chiamare per lei. Sul trono c’era Roberto (Mantoni, il primo vero tronista di U&D ed. 2000/01) che aveva questo anello in dono. Lei era interessata, era single e mi chiese di chiamare la redazione, io l’ho fatto convinta che non rispondesse nessuno, e invece … . Mentre parlavo con la redazione mia sorella ha avuto un ripensamento perché si vergognava e allora mi hanno detto “perché non viene lei a fare il provino”, e da lì è partito tutto. Io poi sono fatta così mi sono buttata ed ero un personaggio insolito, ero quella che alle 15 del pomeriggio arrivava in studio in abito da sera e guanti lunghi. Ero completamente diversa dalle altre. Poi sono diventata tronista e lì ho conosciuto il mio ex marito e infine eccomi qui».

Che rapporto ha con Maria De Filippi, siete amiche?
«È un rapporto di grande stima reciproca e simpatia. Io sembro dura ma non lo sono per niente, pure le cose che dico con Gemma… cioè in realtà con lei le penso, però non ho un copione. A volte Maria mi blocca quando vede che esagero ma non lo fa mai con cattiveria, lo fa per me».

Lei è in tv da quasi 20 anni, non le sta stretto il ruolo di opinionista?
«Ma assolutamente no io la considero una famiglia, sono cresciuta con loro e non ho intenzione di lasciarli. Ho accettato di fare Pechino Express (nel 2016 ndr.) perché si si svolgeva d’estate ma era una cosa diversa dai soliti reality, non potrei mai fare un Grande Fratello rinchiusa con altra gente senza fare nulla, non farei nemmeno l’Isola anche se mi è stato proposta, non perché nono sono una che si adatta, ma poi vai lì a morire di fame, no no proprio no! La verità? È che sono anche un po’ pigra, sto bene dove sto».

In tutte queste edizioni è mai diventata amica di tronisti e/o corteggiatori, maschi o femmine?
«Ma per carità! (ride ndr) Non ho contatti con nessuno, io li incontro solo al momento che registriamo la puntata, non ho proprio confidenza con nessuno, chi li vuole vedere! (continua a scherzare e qui sì che esce fuori la Tina che conosciamo ndr.) Per l’amor di dio! Una volta che finisco io vivo un’altra vita. Io non mi ricordo nemmeno i nomi e cognomi e faccio brutte figure. Al Grande Fratello c’è un ex tronista (Andrea Zelletta ndr) ma io ho fatto fatica a capire chi fosse… dicevo questo lo conosco ma proprio non me lo ricordavo».

Alcuni di loro però hanno avuto successo anche fuori, pensiamo a Giulia De Lellis. Cosa bisogna avere per sfondare?
«Non tutti hanno carisma, non tutti sono telegenici. Lei quando l’ho conosciuta era piccolina ma si vedeva già che era una tosta, per forza ti rimaneva impressa. Non era una di quelle che io chiamo moscette, era diretta, spontanea, se ne fregava delle critiche, anche di quelle che le facevo io. Aveva un obiettivo e l’ha raggiunto, molto spesso è una questione caratteriale che non tutti hanno. Devi piacere al pubblico, che a volte è strano. Se piaci a lui hai svoltato».

Nota dolente, Gemma Galgani. Quanto c’è di vero nei vostri litigi?
«Tra me e lei è tutto vero. Io la detesto! (un po’ ride, un po’ sembra essere piuttosto seria mentre lo racconta ndr). Intanto la trovo finta. È costruita, quando parla, come si muove, prima di parlare deve riflettere e pensare bene, secondo me tutto questo modo di fare che ha lei è tutto finto. Per me si è costruita un personaggio ma non è reale».

Ma non è che è un po’ gelosa?
«Ahahaha ma figurati! Mi possono mettere accanto da Belen alla donna più bella dell’universo, ma io non temo nessuno. Non c’è competizione. Ma secondo te io posso vivere Gemma come una mia antagonista? Non c’è nulla di lei che io posso invidiare. Nella vita si invidia cosa non si ha, lei ha 70 anni, sola abbandonata e depressa, elemosina affetto a destra e manca… posso mai invidiarglielo? Non mi toglie niente nessuno, io ho lo spazio che merito e che ho avuto sempre. Io ho il mio ruolo da 20 anni, ne sono passate a bizzeffe là dentro ma tanto io resto sempre unica. Io detesto il suo carattere…forse è il contrario è lei gelosa di me».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 5 Ottobre 2020, 19:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA