Morte di Manuel Vallicella, parla Costantino Vitagliano: «Pensavo di essere Superman, così sono sopravvissuto alla fama»

Il primo tronista di Uomini&Donne ormai fuori dal giro della televisione, ma nei primi anni 2000 era un sex symbol da copertina

Video

Costantino Vitagliano rientra di diritto nella storia di Uomini&Donne. Il milanese, oggi 48enne, è stato il primo tronista del programma di Maria De Filippi e insieme alla corteggiatrice Alessandra Pierelli divenne un vero e proprio fenomeno mediatico. Correvano i primi anni del 2000, il clou nel 2003/2004, poi la sua carriera è entrata in stallo con la condanna di Lele Mora nel 2010. Intervistato dal Messaggero in relazione alla morte del tronista Manuel Vallicella, ha raccontato di come sia riuscito a sopravvivere alla fama e, successivamente, alla battuta d'arresto della sua ascesa nel mondo dello spettacolo. 

Manuel Vallicella, il fratello del tronista morto smentisce l'amico: «Vi dico io la verità»

Manuel Vallicella, il tronista morto a 35 anni: «Soffriva di depressione. Non ha mai superato la morte della mamma»

Il tronista da copertina

 

Ora il mondo di Uomini&Donne non gli appartiene più, tanto da aver spiegato di non aver mai conosciuto Vallicella né averne sentito parlare, pur dicendosi umanamente dispiaciuto per l'accaduto. Costantino ha una figlia e ancora oggi fa ospitate in giro per locali: la prossima, all'inaugurazione di una palestra. Ma a quei tempi si sentiva perfettamente a suo agio nel mondo della tv: «Ho capito cosa volevano da me per fare ascolti e l'ho fatto - ha spiegato -. Sapevo vendermi molto bene. Volevano che facessi il traditore seriale e l'ho fatto. Guadagnavo tantissimo. Ero dappertutto: album, diari, copertine, calendari. In un anno ho fatturato un milione di euro solo con le chat telefoniche».

Gli attacchi di panico

 

«Pensavo di essere Superman, che il mio corpo reggesse lo stress. Infatti il corpo ha retto, ma la mente no. Ho sofferto di attacchi di panico, per dieci anni non ho più avuto una vita. Lavoravo sempre, facevo tre programmi a settimana, ero ovunque. Poi è venuto giù il castello e siamo venuti giù tutti», ha spiegato con riferimento all'arresto di Lele Mora per banacrotta fraudolenta nel 2010. 

 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Settembre 2022, 08:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA