Yari Carrisi, minacce choc a Barbara D'Urso del figlio di Al Bano e Romina Power: «Deve morire»

video
di Ida Di Grazia
Yari Carrisi, minacce choc del figlio di Al Bano e Romina Power contro Barbara D'Urso: «Deve morire». Su Leggo.it tutti gli aggiornamenti. Martedì 21 aprile sulla sua pagina Instagram Yari, che su social si fa chiamare Yari Power, ha pubblicato una storia un messaggio minaccioso contro la conduttrice mediaset. Pronta la risposta della sorella della D'Urso, Daniela: «Davvero vuoi la morte di mia sorella?». News in aggiornamento.

Leggi anche > Barbara D'Urso caos: Eleonora Giorgi fugge dalla diretta tv
Leggi anche > A grande richiesta torna su Italia 1 la prima stagione di «The O.C.»



Non ci sono spiegazioni per il gesto di Yari Carrisi. Il figlio di Al Bano e Romina Power ha pubblicato nelle sue storie Instagram un pesante attacco a Barbara D'Urso. Nella prima storia si legge «la Durso deve morire», e già qui c'è la prima anomalia, perchè il cognome della presentatrice di canale 5 non è scritto in modo corretto, ma la cosa ancora più grave è continuare a postare le reazioni degli utenti a quella che è una minaccia da condannare. Inoltre Barbara D'Urso ha da sempre un bellissimo rapporto di amicizia con Al Bano, quindi il mistero si infittisce.



Sempre su Instagram, in difesa di Barbara D'Urso arriva un post della sorella Daniela, che condanna il gesto scrivendo: «Dunque tu, figlio di Al Bano e Romina Power, stai dicendo che mia sorella deve morire? Quindi vuoi che mia sorella muoia? Cioè, le stai augurando la morte???».




Barbara D'Urso su twitter condivide il post di Daniela con l'hashtag #sorelle. 

ULTIMO AGGIORNAMENTO: Nel tardo pomeriggio è arrivata una precisazione da parte di Yari Carrisi: «È ovvio che mi riferisco al programma e non alla persona fisica che ha dato nome al programma. Il tipo di show che non aiuta a vivere meglio, ma è cattivo e ignorante. E si approfitta della gente e delle sventure delle persone, è ora di relegarlo al passato. Da anni si è propagato nelle case d'Italia come un virus, è ora di chiudere il flusso negativo».
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Aprile 2020, 14:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA