Tutti i personaggi più amati che ci hanno lasciato nel 2021: dalla Carrà a Battiato, fino a Libero De Rienzo

Vere e proprie leggende si sono spente lo scorso anno, ma resteranno sempre nel cuore del pubblico

Video

Il 2021 è stato un anno complicato per tanti aspetti, ma anche per i tanti lutti tra i personaggi famosi più amati, in Italia come nel mondo. Sono tantissimi i giganti che ci hanno lasciato lo scorso anno, alcuni anche in circostanze tragiche: la loro scomparsa commuove ed emoziona a distanza di mesi, e continuerà a farlo.

 

Leggi anche > Pupetta Maresca, funerali vietati: autorizzata solo la benedizione della salma

 

Gennaio 2021: da Larry King a Sophie, passando per Solange e Macaluso

Il 2021 si era aperto all'insegna di diverse morti premature e tragiche, in ogni campo. Si pensi, ad esempio, all'ex senatrice Pd Emilia De Biasi (morta il 5 gennaio a 62 anni), o alla dj britannica Sophie (morta a 34 anni dopo essere caduta dal tetto della sua casa di Atene). Sempre a gennaio, il 7, era stato trovato morto in casa Solange, noto personaggio televisivo italiano. La tv statunitense, poi, il 23 gennaio pianse la scomparsa del leggendario Larry King, morto di Covid a 87 anni. La politica italiana ha pianto anche la scomparsa di Emanuele Macaluso, morto il 19 gennaio alla veneranda età di 96 anni.

 

Febbraio 2021: da Franco Marini a Erriquez, passando per Bellugi e Gresini

Il mese di febbraio si aprì con una notizia che sconvolse il mondo dello spettacolo: la morte, a soli 44 anni a causa di un carcinoma polmonare, dell'attore Dustin Diamond, noto in tutto il mondo per il ruolo di Screech in Bayside School. Il 9 febbraio morì invece, a 87 anni, l'ex presidente del Senato, Franco Marini, per complicazioni legate al Covid. Il 14 febbraio la musica italiana pianse Erriquez, leader della Bandabardò, morto a 60 anni dopo una lunga malattia. Il Covid si rivelò poi fatale anche per Mauro Bellugi (morto a 71 anni il 20 febbraio dopo l'amputazione delle gambe come conseguenza del virus e di una pregressa anemia mediterranea) e per Fausto Gresini (ex pilota e dirigente motociclistico, ucciso dal virus a 60 anni il 21 febbraio). Sconvolgente, per il mondo della politica e dirigenziale, fu anche la morte di Antonio Catricalà: l'ex presidente dell'Antitrust fu trovato morto, probabilmente suicida, nella sua casa di Roma, il 24 febbraio.

 

Marzo 2021: la musica piange Claudio Coccoluto e Raoul Casadei

Il mese di marzo si apre con un grave lutto nel mondo della musica: è il 2 quando Claudio Coccoluto, amatissimo dj, muore a 58 anni dopo una lunga malattia. Sempre il mondo della musica piange la scomparsa di Raoul Casadei, ucciso dal Covid il 13 marzo a 83 anni. Un grave lutto per la cultura italiana è rappresentato poi dalla scomparsa di Enrico Vaime, celebre scrittore, autore e conduttore radiotelevisivo, morto a 85 anni il 28 marzo.

 

Aprile 2021, lutti nello sport. L'Italia piange Milva, il mondo il principe Filippo

Il mese di aprile si rivela tragico per il mondo dello sport italiano: l'8 muore l'ex azzurro di volley Michele Pasinato (a 52 anni, dopo una grave malattia), il 19 muore l'ex ciclista Monica Bandini (a 56 anni, a causa di un malore improvviso) e il 29 l'ex canottiere Filippo Mondelli (a soli 26 anni per una gravissimo tumore).
Un grave lutto anche nella musica: il 23 aprile, a 81 anni, muore Milva, al secolo Maria Ilva Biolcati. La leggendaria cantante era affetta da diversi anni da una grave malattia neurodegenerativa.
Particolare scalpore, in tutto il mondo, destarono la morte del principe Filippo d'Edimburgo (il marito della regina Elisabetta morì a 99 anni il 9 aprile) e di Bernard Madoff (il banchiere, noto per una delle più grandi truffe finanziarie di sempre, morì in carcere il 14 aprile, a 82 anni).

 

Maggio 2021: addio a Battiato e Carla Fracci. La tragedia Dupasquier

Lo sport italiano, a maggio, piange la scomparsa di Alessandro Talotti (ex atleta azzurro, morto a 40 anni per un tumore il 16) e di Andrea Mari, detto Brio (leggendario fantino del Palio di Siena, morto il 17 in un incidente stradale, a 43 anni). Il lutto più sconvolgente è senza dubbio quello per la morte di Franco Battiato, il 18 maggio, a 76 anni. Il 22 maggio viene trovato morto, suicida, Francesc Arnau: l'ex portiere del Barcellona aveva 45 anni. Il giorno successivo muore anche Max Mosley, 81enne già presidente della Fia che governa anche la Formula1. Il 26 maggio muore, a 82 anni, una leggenda del calcio italiano come Tarcisio Burgnich. I lutti in Italia non finiscono qui, perché il giorno seguente si spegne Carla Fracci, leggendaria ballerina italiana uccisa da un cancro a 84 anni. Il 30 maggio, infine, il mondo delle moto piange la scomparsa di Jason Dupasquier, pilota svizzero di Moto3 appena 19enne, che il giorno prima era rimasto coinvolto in un incidente al Mugello.

 

Giugno 2021, addio a Epifani e Boniperti

Il 7 giugno muore, a 71 anni, ucciso da una embolia polmonare, il sindacalista e politico Guglielmo Epifani. Il 18 giugno muore invece Giampiero Boniperti: la leggenda della Juventus, che fu anche presidente del club bianconero, aveva 92 anni.

 

Luglio 2021, l'Italia piange Raffaella Carrà e Libero De Rienzo

Quello di luglio è un mese terribile per il mondo dello spettacolo italiano. Il 5 luglio muore una leggenda come Raffaella Carrà, a 78 anni, per una malattia su cui era stato espresso il massimo riserbo. Sconvolgente è stata anche la morte di Libero De Rienzo, uno degli attori più talentuosi della sua generazione: stroncato da una overdose il 15 luglio a soli 44 anni. Il 27 luglio muore il cantante Gianni Nazzaro, a 72 anni, il giorno seguente invece Lilly Bonato, a 74 anni. Sempre il 28 luglio muore, a 80 anni, lo scrittore ed editore Roberto Calasso, fondatore di Adelphi.

 

Agosto 2021: addio a Gino Strada, Gianfranco D'Angelo e Gerd Müller

Il 3 agosto un infarto stronca lo scrittore Antonio Pennacchi, all'età di 71 anni. Il 13 agosto muore Gino Strada, medico e fondatore di Emergency: aveva 73 anni. Il 15 agosto muore l'attore Gianfranco D'Angelo, pochi giorni prima di compiere 85 anni. Sempre a Ferragosto, il mondo del calcio ha pianto una leggenda come Gerd Müller: il tedesco fu uno degli attaccanti più prolifici di sempre. Il 21 agosto muore Nicoletta Orsomando, storica annunciatrice Rai, a 92 anni. Il 24 agosto, una settimana prima di compiere 63 anni, muore invece Fritz McIntyre, per dieci anni tastierista dei Simply Red.

 

Settembre 2021, muore Jean-Paul Belmondo

La scomparsa più eccellente nel mese di settembre è senza dubbio quella di Jean-Paul Belmondo. L'attore francese, una vera leggenda del cinema mondiale, morì il 6 settembre a 88 anni. Il 25 settembre, sul circuito di Jerez de la Frontera, muore in un incidente Dean Berta Viñales: il 15enne, grande promessa del motociclismo, era cugino del pilota Maverick.

 

Ottobre 2021, addio a Colin Powell e Rossano Rubicondi

Il 18 ottobre muore Colin Powell, politico e diplomatico statunitense che fu Segretario di Stato sotto l'amministrazione di George W. Bush. Aveva 84 anni ed era affetto da un mieloma multiplo che, insieme al contagio da Covid, gli fu fatale nonostante fosse vaccinato.
Il 29 ottobre, invece, il mondo dello spettacolo resta ancora una volta sconvolto, questa volta per la scomparsa prematura di Rossano Rubicondi: l'attore e modello, malato da tempo, aveva 49 anni.

 

Novembre 2021, l'addio a Gian Piero Galeazzi e Wilbur Smith

Il 13 novembre l'Italia piange la scomparsa di Gian Piero Galeazzi: ottimo canottiere prima e ancor più grande giornalista e conduttore poi, 'Bisteccone' aveva 75 anni ed era molto malato da tempo. Lo stesso giorno, a 88 anni, si è spento Wilbur Smith, scrittore e autori di grandissimi best-seller. Il 22 novembre muore a 76 anni il cantautore e attivista Paolo Pietrangeli, mentre due giorni dopo muore a 81 anni Ennio Doris, dirigente, imprenditore e banchiere, fondatore di Banca Mediolanum. Il 28 novembre lutto nel mondo della moda: a soli 41 anni muore Virgil Abloh, stilista e direttore artistico di Louis Vuitton, stroncato da un angiosarcoma che lo aveva colpito tre anni prima.

 

Dicembre 2021: addio a Lina Wertmüller, Desmond Tutu, Paolo Calissano e Renato Scarpa

Il finale dell'anno si contraddistingue per una serie di lutti eccellenti, in Italia come nel resto del mondo. Il 5 dicembre muore Bob Dole, esponente repubblicano ed ex candidato alle presidenziali negli Stati Uniti: aveva 98 anni, era malato da tempo e nel 1996 sfidò Bill Clinton. Nello stesso giorno muore il cantautore Toni Santagata (quattro giorni prima di compiere 86 anni), mentre il 9 dicembre si spegne a 93 anni la leggendaria regista Lina Wertmüller. L'11 dicembre muore l'ex tennista spagnolo Manolo Santana (a 83 anni), una settimana dopo invece l'archistar italo-inglese Richard Rogers. Il 26 dicembre si spegne, a 90 anni, l'arcivescovo sudafricano Desmond Tutu, simbolo della lotta all'apartheid e attivista aperto e visionario. Il 28 dicembre gli Stati Uniti piangono la scomparsa dell'ex leggenda del football John Madden (aveva 85 anni), mentre l'Italia rimane sconvolta dalla tragica morte dell'attore Paolo Calissano, appena 54enne. Il 30 dicembre, invece, il cinema italiano piange la scomparsa di Renato Scarpa, attore 82enne.


Ultimo aggiornamento: Domenica 2 Gennaio 2022, 18:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA