Tutto Accade Tour, l'appello di Alessandra Amoroso: «Cerchiamo ballerini», e i consigli di Laura Pausini

Tutto Accade Tour, l'appello di Alessandra Amoroso: «Cerchiamo ballerini», e i consigli di Laura Pausini

di Ida Di Grazia

Tutto Accade Tour, l'appello di Alessandra Amoroso: «Cerchiamo ballerini», e i consigli di Laura Pausini. Prosegue il viaggio della Amoroso verso San Siro, dove il 13 luglio terrà il suo primo concerto all'interno di uno stadio che fa emozionare tutti. In radiovisione su RTL 102.5, la cantante salentina si racconta in diretta il 13 di ogni mese con Gigio D’Ambrosio e Matteo Maffucci e, insieme a loro, tanti altri amici.

Leggi anche > Isola 2022, malore in diretta per Nicolas Vaporidis. Paura su twitter «Aiutatelo»

«La sto vivendo molto bene, mi sto rendendo conto che all’inizio facevo un po’ la galletta, adesso ho un po’ di strizza», ha detto la cantante. «Per questo progetto ci sono a lavoro tante persone, la mia crew, gli addetti alle luci, alle scenografie, le grafiche. Sono tantissimi».

Durante la diretta è intervenuta anche la coreografa Veronica Peparini, protagonista di uno spoiler inaspettato. «Il 24 aprile si apriranno le audizioni di danza di ‘Tutto Accade’. Veronica è una grande amica, una grande professionista. Abbiamo deciso di fare quest’audizione perché cerchiamo un bel po’ di ballerini», ha detto Alessandra Amoroso. «Verrà tanta gente, è una cosa importante. Ci sarà un’audizione il 24 aprile a Roma al Planet Sport. Cerchiamo venticinque ballerini, una cosa importante e bella perché finalmente anche i ballerini saranno di nuovo su un palco», ha risposto Veronica Peparini. «Ci saranno anche settanta figuranti, saremo in tantissimi. Per una cosa così grande bisogna essere in tanti a supportare Alessandra. Per presentarsi bisogna iscriversi sul posto alle 9, presentarsi lì la mattina all’audizione, tutti tamponati. Ci sarà anche Alessandra alle 14. Anche per noi è importante riaprire alla danza questi grandi concerti, è bello che si dia la possibilità anche ai danzatori di lavorare». 

E tra i tanti ospiti della quarta serata di “Tutto Accade su RTL 102.5”, arriva anche Laura Pausini. Prima di entrare in diretta anche lei ha ascoltato in onda la sua “Scatola”. «Stavo riguardando tutte le immagini. Mi fa sempre impressione vedere che tutte le mie cose sono davanti agli occhi di tutti perché il videoclip è girato nella mia stanza originale di quando ero piccola - ha detto Laura Pausini -Alcune persone mi chiedono come faccia una della mia età ad avere la camera di quando aveva sedici anni. Nel mio caso i miei genitori quando ho vinto Sanremo hanno deciso che quella casa diventasse la casa dei fan, per questo ha mantenuto tante stanze originali».
«Anche io ho lasciato la mia camera intatta. Quando ci vado è come ritornare a tredici anni fa - ha risposto Alessandra Amoroso - Ricordare è bello. Apro i cassetti della scrivania e ho i miei diari di quando andavo alle scuole superiori. A me il fatto che la gente può andare a vivere un po’ il tuo passato piace tanto. Tra l’altro io sono venuta al cinema ed ho pianto a vedere ‘Piacere di conoscerti’, mi sono emozionata tanto».
Alessandra Amoroso ha chiesto un consiglio a Laura Pausini, la prima donna cantante ad esibirsi in quello stadio, cosa può aspettarsi e come può viversi San Siro. «Ho visto anche le altre telefonate che hai fatto con altri colleghi. Specialmente Tiziano Ferro ti ha detto una cosa che condivido tantissimo: non ci sono tanti consigli da darci, devi entrare con lo stesso spirito del giorno in cui sei salita su un palco anche piccolo. Non dobbiamo dirti cosa fare, lo sai già da sola. La gente è innamorata di te perché sei così, non è perché San Siro è grande bisogna prepararsi in maniera diversa. Magari ti verrà un po’ di tachicardia - ha detto la Pausini - Io avevo un po’ il fiatone prima di entrare, ho cercato di fare una respirazione che mi aiutasse ad avere un po’ di forza. Sarà una delle serate più importanti della tua vita, te la devi godere tutta. La realtà è che io e Alessandra abbiamo una cosa in comune: non studiamo molto il concerto a livello tecnico, questa cosa dobbiamo mantenerla. Negli anni ho capito che le volte in cui mi sono preparata non mi sono emozionata io, noi siamo uguali al nostro pubblico. Conosco tanti ragazzi del tuo fan club, ti seguo dall’inizio. Ricordo di una nostra telefonata quando avevi appena vinto ‘Amici’ e mi dicevi che stavi cercando nuove musiche: il modo in cui parli alle persone è il modo in cui canti a loro e a te stessa. Quando sarai lì ti renderai conto che finirà subito».

Il 13 luglio Alessandra Amoroso farà il suo concerto a San Siro. Nel parterre ci saranno le sedie.«È una cosa che porto avanti dalle piazze - ha raccontato la Amoroso - Loro si lamentano se sono in piedi, vogliono stare seduti perché ci siamo viziati a vicenda. Io ho cominciato a fare concerti con il parterre seduto».
Il concerto sarà con la capienza al 100%. «Il fatto di poter condividere con tutti a pieno quello che sarà quella serata mi fa volare di gioia - ha raccontato Alessandra Amoroso - Quando andavo a vedere un concerto a me piaceva riprendere la gente. Io sono stata a San Siro a vedere dei concerti, l’immagine impressa nella mente è quella della gente che accompagna i momenti, che partecipa e condivide quello che sta sentendo. Si alza un’energia talmente forte da sentirla nel cuore»..


Ultimo aggiornamento: Giovedì 14 Aprile 2022, 13:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA