Tu si que vales, concorrente cacciato dal programma per "Mutandine". Lui: «Misogino? Sono stati loro a chiamarmi»

Tu si que vales, concorrente cacciato dal programma per "Mutandine". Lui: «Misogino? Sono stati loro a chiamarmi»

di Angela Casano

La prima puntata di Tu si que vales 2022 ha già fatto discutere. Tante sono state le esibizioni, alcune gradite altre un po' meno. Tra queste una in particolare che ha fatto storcere il naso alla giuria, soprattutto a Maria De Filippi. È stata una performance di canto eseguita da Francesco Ocelli, il cui nome d'arte è Niente.

Il cantante barese ha portato sul palco del noto programma di Canale 5 la sua canzone dal titolo ‘Mutandine’, ritenuta misogena e offensiva, per questi motivi il cantante è stato cacciato dallo studio.

Eros Ramazzotti, il gesto nei confronti di Aurora che ha fatto emozionare il pubblico all'Arena di Verona

Striscia la Notizia, Max Laudadio aggreduti con il cameraman: pugni e bastonate in un parcheggio a Varese

Moonage Daydream, un viaggio dentro la mente di David Bowie

Cosa è successo

La performance è stata interrotta per volontà di Maria De Filippi, dopodiché la giurata ha preso il microfono in mano e ha fatto notare al concorrente che paragonare una donna a delle mutandine era piuttosto fuori luogo. A quel punto il pubblico presente in studio ha iniziato a fischiare e ha incitato l'uomo a lasciare lo show.

Maria De Filippi ha poi sentenziato: «L’idea che una donna sia ridotta a delle mutandine, mi fa un po’ impressione. Capisco la provocazione, ma queste provocazioni hanno un po’ stufato».

Rudy Zerbi invece non ha esitato a definire Niente del tutto superficiale con la sua musica

Le sue dichiarazioni

In una intervista rilasciata a Il Corriere del Mezzogiorno, il concorrente cacciato da Tu Si Que Vales ha raccontato di essere stato contattato dalla produzione del programma che, a suo dire, era già a conoscenza del contenuto della sua performance: «Io non ho cercato loro, qualcuno ha inviato un mio video e poi sono stato contattato. Sono andato con lo spirito del “ci provo”, ma comunque nella vita faccio altro. Sono stato tacciato di essere misogino. Questo mi ferisce  e ribatto esortando a leggere il testo. Un ascolto superficiale genera inevitabilmente incomprensione. “Mutandine”, innanzitutto, è un brano di ventitré anni fa. La canzone sottolinea la capacità della donna di adattarsi, rispetto alla staticità maschile».

E poi, offeso per la sua musica ha concluso così: «Da artista sono ferito perché non sono riuscito a farmi capire o non ho scelto il mezzo giusto per farlo. Ambisco a trasmettere a grandi numeri la mia musica ma sono consapevole che il personaggio di “Francesco Niente” non è da talent show, il che non vuol dire che non è televisivo. Non era lo strumento giusto per diffondere il “niente pensiero” che però è esistente e ci si può confrontare».

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Settembre 2022, 09:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA