Storie Italiane, Eitan rapito per motivi economici: «Unico gestore dei beni della famiglia»

Storie Italiane, Eitan rapito per motivi economici: «Unico gestore dei beni della famiglia»

Storie Italiane parla del rapimento del piccolo Eitan, l'unico sopravvissuto alla strage del Mottarone. Dopo la sua degenza in ospedale e la perdita di tutta la sua famiglia, il piccolo di origini istraeliane era stato affidato alla zia, la sorella del padre, creando però malcontento da parte della famiglia materna.

 

Leggi anche > Eitan, gli zii paterni pronti ad andare in Israele. Il nonno: «Quando crescerà mi dirà: mi hai salvato»

 

Qualche giorno fa di fatto il nonno ha rapito Eitan. In un'intervista a una tv locale l'uomo ha spiegato di aver preso Eitan in modo legale, con tutti i permessi e il passaporto, ma in realtà non è così visto che tra i documenti sarebbe mancato il foglio necessario per poter far viaggiare all'estero un minore solitamente firmato da chi ha la patria potestà. Il nonno ha spiegato di non essere pentito, di essere sicuro che Eitan un giorno lo ringrazierà per quanto fatto aggiungendo anche di essere convinto che quando rincontreà la figlia in cielo gli sarà a sua volta grata.

 

Intanto il nonno è stato arrestato e ora si indaga sulle motivazioni che sono alla base del rapimento, si crede infatti che il motivo principale che abbia spinto la famiglia materna a un simile gesto sia economico, legato quindi all'eredità dei genitori di Eitan. Ovviamente il piccolo resta unico erede e gestori del patrimonio gli affidatari legali, cosa che non sarebbe piaciuta proprio ai nonni materni.

 

Lo zio di Eitan, intervistato, ha parlato di un atto di violenza verso il bambino, ha spiegato che il piccolo è arrivato in Italia quando aveva appena un mese e che per 6 anni è sempre vissuto in Italia andando in Israele solo per vacanza. Eitan riconosce quindi l'Italia come sua patria ed è giusto che in questa fase in cui ha bisogno di stabilità resti nel suo paese. Durante la trasmissione la Daniele aggiunge inoltre che martedì prossimo gli zii andranno in Israele per portare a termine le pratiche per il ritorno a casa del bambino. Il nonno intanto rischia seri provvedimenti legali per il reato di rapimento di minore. 


Ultimo aggiornamento: Sabato 18 Settembre 2021, 08:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA