Simona Tagli: «Per mia figlia ho fatto un voto di castità e abbandonato il mondo dello spettacolo»

Simona Tagli: «Voto di castità per mia figlia e ho abbandonato il mondo dello spettacolo»

Simona Tagli per la figlia Giorgia ha lasciato il dorato mondo dello spettacolo e fatto un voto di castità. L’ex showgirl, oggi imprenditrice nel campo della bellezza, ha affrontato una dura battaglia legale che alla fine è riuscita a comunque a vincere.

Leggi anche > Rula Jebreal paragona Trump a Hitler, ma arriva la correzione di Twitter

La sua relazione, come ha raccontato in un’intervista a “Diva e donna” non ha funzionato (“Eravamo entrambi adulti, caratteri già formati e una propria storia. Volevamo un figlio, ma il suo arrivo ci ha destabilizzato. Tremila paure. Per me era importante il matrimonio, non è arrivato. Ho afferrato il toro per le corna”) e la guerra legale per l’affido della figlia non è stata semplice: “Ho dovuto affrontare una dura guerra legale per l'affido di mia figlia. Quando ho capito che le donne dello spettacolo non sono ben viste negli ambienti giuridici in quanto a capacità genitoriale, mi sono messa a casa in un attimo (…) Sia io che il mio compagno venivamo da un matrimonio senza figli. Volevamo la stessa cosa e l'abbiamo avuta. Dopo di che ho difeso il sacrosanto diritto di mia figlia ad avere la mamma al suo fianco”.

Simona ha poi raggiunto il suo obbiettivo (“Anche qui: sono stata sottovalutata in quanto donna dello spettacolo. Ho tirato fuori le palle e ho condotto i giochi come ho voluto”) e per l’occasione ha fatto un voto di castità: “Un Voto fatto alla Madonna, in caso avessi vinto la mia battaglia in tribunale. Scioglierei il mio voto solo incontrando l’uomo ideale”.
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 3 Giugno 2020, 19:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA