Sabrina Ferilli a Oggi è un altro giorno, il retroscena sullo spogliarello per la Roma e il suo piano B: «Avrei potuto fare la maestra»

L'attrice riapre l'album dei ricordi partendo dalla sua carriera e dal Premio David

Sabrina Ferilli a Oggi è un altro giorno, il retroscena sullo spogliarello per la Roma e il suo piano B: «Avrei potuto fare la maestra»

Sabrina Ferilli è ospite di Oggi è un altro giorno da Serena Bortone e riapre l'album dei ricordi partendo dalla sua carriera e dal Premio David Speciale recentemente conseguito. L'attrice parla, relativamente alla fatica, delle rinunce che ha fatto nella vita: «Ho rinunciato a quella quiete delle persone normali e poi probabilmente anche il fatto di non avere figli è stato una scelta».

 

Leggi anche >  Guillermo Mariotto in lacrime in diretta a Oggi è un altro giorno: Serena Bortone si alza per consolarlo

 

Sempre sulla fatica del lavoro aggunge: «Riuscire a farci rispettare è più difficile per noi rispetto a un uomo. Inoltre, è uno strano mestiere, difficile avere delle caratteristiche che vanno bene. Nei provini può succedere di tutto, ma non ho mai pensato che senza questo mestiere sarei stata fallita. Non ho mai pensato che la vita fosse legata a un lavoro. Avevo altre cartucce. Avrei fatto la logopedista, maestra d'infanzia perché mi piaccionoi bambini degli altri».

 

Ripercorrendo la carriera e commentando il David spiega: «Sono stata contenta; io ho interpretato donne anche molto complesse. Dalidà, per esempio, è stato uno dei ruoli più faticosi». A sorpresa viene mandato in onda un videomessaggio del regista Paolo Virzì: «Cara adorata Sabrina, complimenti per il premio che ti hanno dato meritatissimo. Sei così brava, bona, intelligente, simpatica. Ti voglio bene più che a una sorella. Hai fatto tre film a cui voglio particolarmente bene. Sei speciale». 

 

Sulla vita privata racconta: «Io sono malinconica, non so bene perché. Questo fa parte del dualismo mio, ma è una cifra importante. Penso alle persone che non ci sono più, me le porto tutte dietro. Alle cose che non ho fatto non ci penso. Inutile guardarsi indietro». Infine, lo scambio di battute con Luca Tommassini: «Ma tu non hai fatto con me il mio spogliarello della Roma? Racconti di Madonna e non di me e mi era venuto il dubbio. Dovevamo trovare una cosa per mantenere la promessa e per non essere arrestati tutti». 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Maggio 2022, 19:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA