Romina Power a Oggi è un altro giorno: «Una volta in Giordania abbiamo preso l'Lsd»

L'aneddoto nello studio di Serena Bortone

Romina Power a Oggi è un altro giorno: «Una volta in Giordania abbiamo preso l'Lsd»

Romina Power senza freni. A Oggi è un altro giorno l'ex moglie di Albano si racconta tra vita privata e carriera, svelando a Serena Bortone alcuni incredibili aneddoti sulla sua giovinezza. Quello più sorprendente riguarda l'incontro con il re Hussein di Giordania, che ebbe un finale inaspetatto.

Leggi anche > Flavio Insinna a Oggi è un altro giorno, la non risposta sulla fidanzata e la reazione della Bortone

Romina Power a Oggi è un altro giorno: «Una volta abbiamo preso l’Lsd in Giordania»

Come ha raccontato la stessa cantante, il sovrano era amico di sua madre Linda Christian: «Ci aveva invitato lì, ci accompagnò a vedere Petra, il suo palazzo nel Mar Morto. Era tutto bellissimo, perfetto. Ogni sera ci faceva vedere una proiezione di un film nel suo teatro privato».

Durante il soggiorno, Romina, sua sorella Taryn e la madre tirarono un brutto scherzo al re: «Siamo andate sulla spiaggia a vedere le stelle, arrivarono di colpo le guardie armate per accompagnarci dal re. Lo trovammo su un letto enorme, con le guardie attorno. Ci chiesero cosa avevamo messo nel tè del re. Mia madre disse che era Lsd. Confiscarono la bottiglietta per analizzare il contenuto, noi eravamo agli arresti domiciliari». Le tre donne infatti avevano acquistato la sostanza in Giordania e l'avevano miscelata nella bevanda. Per fortuna, passato l'effetto della droga, il re tornò in sé e loro vennero liberate.

«Io non mi definisco, non riesco e non posso definirmi» ha aggiunto la Power, nata a Los Angeles e vissuta dopo la morte del padre in Messico, prima di trasferirsi definitivamente in Italia. «Io sono sempre stata libera. Andavo al Piper, c’era un senso di libertà nella Roma degli anni Sessanta. Era fantastico, era un sogno vivere all’epoca lì».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 3 Giugno 2022, 21:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA