Robert Pattinson, il nuovo Batman a "Verissimo": «A fine riprese mi sono reso conto che il mondo era cambiato»

Robert Pattinson è tornato sul grande schermo, stavolta nei panni dell’Uomo-Pipistrello con “The Batman”

Robert Pattinson, il nuovo Batman a "Verissimo": «A fine riprese mi sono reso conto che il mondo era cambiato»

Robert Pattinson ospite di “Verissimo” di Silvia Toffanin su Canale 5. L’attore, diventato famoso in tutto il mondo con la trilogia di “Twilight”, è tornato sul grande schermo nei panni dell’Uomo-Pipistrello con “The Batman”, dal 3 marzo al cinema.

Ana Mena a "Verissimo": «La musica il mio sogno. A 8 anni in tv a 13 sul set con Almodovar»

Robert Pattinson (Instagram)

Robert Pattinson a "Verissimo"

Robert Pattinson ospite di “Verissimo” di Silvia Toffanin su Canale 5. Il neo Batman ha parlato degli inizi della sua carriera: «Ho comunicato a recitare da adolescente – ha raccontato - ma mi ci è voluto un po’ per prendere la cosa seriamente. Diciamo circa a vent’anni ho capito che sarebbe stato il mio lavoro. Ero molto timido da ragazzo e lo sono tuttora, gli attori cercano di mascherare questa loro debolezza con la recitazione, ma quando cammino per strada cerco ancora di nascondermi e stare lontano dalle persone».

Il suo sarà un Batman diverso: «Ho l’entusiasmo a mille, sono cresciuto guardando i suo film e indossando il suo costume alle feste. Mai avrei immaginato di avere questa possibilità, sono fiero del risultato finale. Sarò un Batman diverso, all’inizio del suo percorso, dove lui si sente ossessionato dal suo alter ego pur avendone paura. Esce di notte per sconfiggere i criminali, è un percorso emotivi diverso da quello che si aspettano gli spettatori. La prima volta che ho indossato il leggendario costume è stata una sensazione molto potente, strana. Ti ci abitui dopo un po’, ma poi vedi la tua ombra, la tua immagine nello specchio… Ogni tanto ti devi dare un pizzicotto per capire se sei sveglio o meno».

Robert Pattinson (Instagram)

Il film è stato in lavorazione durante la pandemia da Coronavirus: «Le riprese sono state molto lunghe, sono durate 18 mesi. Sono diventato più paziente di prima, posso passare molto tempo da solo senza essere frustrato. Molti miei amici non potevano lavorare, sono stati costretti a casa per un anno, io invece andavo sul set. Lavorando non ci siamo accorti di quello che stava succedendo e alla fine delle riprese mi sono reso conto che il mondo era cambiato”.


Ultimo aggiornamento: Sabato 26 Febbraio 2022, 18:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA