Dal "Re del Bisturi" arriva Luciana: «Dopo il dramma di Amatrice sogno di ricomiciare»
di Ida Di Grazia

Dal "Re del Bisturi" arriva Luciana: «Dopo il dramma di Amatrice sogno di ricomiciare»

Ascolti da record per la seconda stagione del 'Re Del Bisturi” - il programma dedicato alla chirurgia estetica e che vede protagonista il Prof. Giulio Basoccu - appena andata in onda su 'Real Time' e attualmente visibile sul sito di Discovery. Molte le donne che si sono presentate per il casting e, tra i tantissimi casi che sono stati trattati c'era anche quello di Luciana, colpita dal terremoto di Amatrice e rivoltasi al Prof Basoccu per tornare a piacersi dopo terribili traumi che l'hanno trasformata anche fisicamente.

 

Leggi anche > Isola 2021, le pagelle: i promossi e i bocciati

 

«Da sempre mi prendo cura della bellezza delle donne – ha raccontato il il Prof Giulio Basoccu, che con la sua equipe ha deciso di occuparsi di Luciana -  ma anche di tutte quelle che necessitano di ritrovare la forma pur non avendo possibilità! Quando ho incontrato Luciana ho capito la sua voglia di rinascere e di ritrovare se stessa dopo una serie di eventi traumatici che le hanno cambiato il fisico, sono pronto ad aiutarla in un percorso di rinascita che sicuramente le ridarà la giusta forza per ritrovarsi».

 

Luciana, 49 anni di Amatrice, non si è ancora sottoposta all'intervento e sarà una delle protagoniste dell'attesa terza stagione attualmente in lavorazione.

 

Cosa l’ha spinta a partecipare ai casting del Re del Bisturi?

«Ho conosciuto il Dottor Basoccu attraverso i canali Facebook, ho letto molte cose belle di lui soprattutto sulla sua associazione (“Secondo cuore onlus ndr.) e allora mi sono decisa a scrivergli. Ho mandato una mail, non pensavo mi rispondessero, e la prima volta è andata così. Ci ho riprovato, mi hanno risposto, non ci credevo. Io non me lo potevo permettere un intervento del genere, non me lo aspettavo proprio e invece abbiamo fatto la nostra prima call online e da lì è partito tutto»

 

La sua voglia di cambiare non nasce da un puro vezzo estetico, ma ha radici molto più profonde

«Sai oggi è il mio compleanno, compio 49 anni e penso a tutto questo come a un regalo. Purtroppo nel corso della mia vita ho subito tanti traumi: per primo il terremoto di Amatrice, poi il suicidio di mio marito (qui la sua voce si interrompe, piange ndr.) per la disperazione seguita alla crisi post-terremoto traumatica, poi la perdita del lavoro. Non sono una che si piange addosso o ama farsi vedere, però la chiacchierata con il professore Basoccu mi ha ridato un po’ di speranza»

 

In che modo?

«Tanti anni fa a seguito di una dieta drastica ho perso più di 27 chili, qualcuno l’ho ripreso, ma da allora le mie insicurezza sono aumentate, non riesco più a guardarmi allo specchio, non mi piaccio, sono insicura. Ho poca stima di me, vorrei provare a ricominciare davvero. Con il professore ho parlato di questo, ne esistono davvero poche di persone come lui, e non lo dico perché ha accettato di aiutarmi, ma il suo lavoro a sostegno delle donne parla da solo».

 

Facciamo un passo indietro, torniamo al quel terribile 23 agosto 2016

«Amatrice era in festa per i borghi più belli d’Italia, io rientro a casa alle 2.30 di notte dopo aver lavorato, mi metto a letto con mio marito, parliamo un po’ poi crolliamo. All’improvviso la prima scossa, era tutto buio, non si vedeva nulla, abbiamo capito dopo che la luce era saltata dappertutto, restiamo immobili e terrorizzati a letto, poi mi alzo, apro la finestra e chiedo aiuto … il silenzio. Decidiamo di uscire e corriamo nella piazza principale dove troviamo tutti gli altri, arriva la seconda scossa, è tremenda. Non funziona internet, il telefono non va, non sappiamo cosa sta succedendo sappiamo solo che non è nulla di buono. Verso le 5 del mattino, con il sorgere del sole, scopriamo che Amatrice non c’è più, avevamo paura. Vedevo negli occhi degli altri il terrore (Luciana non riesce a trattenersi e piange ndr.), quello di quando fanno vedere le immagini di guerra… non si può spiegare. Ho perso tantissimi amici, è una storia dolorosa, lunga, difficile, ci si potrebbe scrivere un libro»

 

Pochi mesi dopo da questo terribile trauma, un altro dolore: la perdita di  suo marito

«Era l’amore della mia vita siamo stati insieme quasi trent'anni, l’ho trovato impiccato – dice tra le lacrime – dopo il terremoto ha avuto una depressione fortissima, abbiamo provato a curarla ma non c’è stato nulla da fare. Ci hanno abbandonato tutti e quando Giuseppe Conte è venuto ad Amatrice gli ho urlato contro tutto il mio dolore. Lo sa che una parte della mia casa che è in zona rossa verrà completamente demolita?»

 

E ora lei dove vive?

«Vivo in una casa su ruote, faccio il porta a porta per una società elettrica, ma vorrei un lavoro più stabile, sono così stanca»

 

È felice di operarsi?

«È un sogno, non me lo aspettavo. Non sono interessata alla tv, sono solo felice, secondo me il professor Basoccu è un angelo che mi è stato mandato dopo tanto dolore»


Ultimo aggiornamento: Martedì 8 Giugno 2021, 17:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA