Alice, attrice con la Sindrome Down co-protagonista di "Ognuno è perfetto": «Non potevo davvero sperare di meglio»
di Tom Abram

Alice, attrice con la Sindrome Down co-protagonista di "Ognuno è perfetto": «Non potevo davvero sperare di meglio»

Si chiama Alice De Carlo, romana 25 anni, ed è una dei protagonisti della nuova serie “Ognuno è perfetto”, in onda questa sera su Rai 1.

Alice, questa non è la sua prima esperienza in televisione giusto?
«Esatto. Ho iniziato nel 2014 con la docu-fiction “Hotel 6 stelle” insieme ad altri ragazzi con la sindrome di Down. Poi ho partecipato a vari programmi come La vita in diretta».

Com’è stato lavorare sul set di Ognuno è perfetto?
«Mi sono travata bene con tutto il cast. Lavorare con Edoardo Leo e Cristiana Capotondi è stato molto divertente. Ed essere diretta da un grande regista come Giacomo Campiotti, che già conoscevo per Braccialetti Rossi, è stata un’esperienza stupenda. Poi con il mio fidanzato come protagonista...».

Lei e Gabriele Di Bello, Rick nella serie, state insieme anche nella vita reale oltre che in tv. 
«Sì. Ci siamo conosciuti sul set di Hotel a sei Stelle, dove lui interpretava il barman. È stato amore a prima vista, ormai stiamo insieme da cinque anni». 

Cosa le è piaciuto di più nel girare questa serie? 
«L’opportunità di aver visto posti nuovi. Gran parte delle riprese sono state fatte a Torino. Il mio personaggio però, Tina, è una ragazza albanese che ad un certo è costretta a tornare al suo paese. Ho avuto quindi la possibilità di girare delle scene in Serbia ed Albania».

Qual è il suo rapporto con la recitazione?
«È la mia grande passione, sono molto contenta di essere riuscita a realizzare questo sogno. Ogni produzione alla quale ho partecipato è stata un’emozione unica. Ho anche un altro progetto in cantiere ma non posso rivelare molto...».

La recitazione però non è la sua unica occupazione giusto?
«No. Lavoro per un gestore telefonico. Mi occupo di accogliere i clientI ed aiutarli nell’attivazione delle schede telefoniche. È un lavoro che amo molto».
Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Dicembre 2019, 07:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA