Nathaly Caldonazzo a Oggi è un altro giorno: «Mio padre era un uomo violento»

L'attrice e showgirl è ospite di Serena Bortone e ricorda gli esordi e gli amori

Nathaly Caldonazzo a Oggi è un altro giorno: «Mio padre era un uomo violento»

Nathaly Caldonazzo racconta a Oggi è un altro giorno la carriera e la vita privata. La showgirl è stata legata a Massimo Troisi. All’epoca della loro relazione aveva solo 24 anni ed è stata al fianco dell'attore napoletano negli ultimi due anni della sua vita. Nathaly ha raccontato anche che sua mamma era una Bluebell e il padre un uomo violento. 

Leggi anche > Leo Gassmann a Oggi è un altro giorno: «La canzone di Sanremo è nata dopo una grande delusione sul lavoro»

Nathaly Caldonazzo racconta a Oggi è un altro giorno

«Questo omone così grande che amavo perché era mio padre, faceva del male a mia madre e volevo proteggerla. Sognavo la famiglia del Mulino Bianco ma non l'ho avuta. Penso sempre che noi figlie siamo attratte dal genere di uomo che è capitato alle nostre madri. Mi è capitato di subire violenza psicologica, una sorta di manipolazione», racconta da Serena Bortone. 

Nathaly Caldonazzo racconta a Oggi è un altro giorno

Su Troisi ricorda: «Non ne parlo mai troppo volentieri perché seguo un po' il suo stile. Lui non era uno che andava a parlara. Mi hanno chiesto anche di scrivere un libro,ma io non voglio, lo fanno gli altri. Molti potevano anche evitare di parlare di lui perché non c'era questa amicizia. Lui era molto affascinante, molto colto. Io lo ascoltavo per ore, mi parlava di politica ed era molto determinato. Questa perdita ha influito perché ero regredita, ero tornata un po' bambina e mi nascondevo da mia madre. Adesso sono una donna più forte. Grazie all'arte e al teatro riesco a stare bene».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 11 Aprile 2022, 15:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA