Morgan boccia l'Eurovision: «Pausini, Mika e Cattelan? Sembrano il cieco, il muto e il sordo...»

Morgan boccia l'Eurovision: «Pausini, Mika e Cattelan? Sembrano il cieco, il muto e il sordo...»

L'artista su Mahmood e Blanco e Achille Lauro: «È la nuova Trinità ma io non mi sento rappresentato da loro»

«Non sto seguendo l'Eurofestival, credo sia più scena che sostanza. Tutta l'Italia della comunicazione si ferma perché c'è l'Eurovision Song Contest? E allora io non mi fermo e non lo guardo; io lavoro e non mi fermo, solo perché c'è l'Eurofestival...». È la presa di posizione personale che esprime Morgan, intervistato dall'AdnKronos a margine della sua lezione-spettacolo su Umberto Bindi al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, in occasione del 90° anniversario di nascita del cantautore che fu tra i massimi esponenti della cosiddetta scuola genovese assieme a Luigi Tenco, Fabrizio De Andrè , Gino Paoli, Bruno Lauzi.

 

 

Eurovision 2022, la scaletta della seconda semifinale: ospiti, orari, cantanti, canzoni e programma

 

L'Italia, che ospita a Torino questa edizione dell'Eurovision Song Contest grazie alla vittoria lo scorso anno dei Maneskin, la cui finale si svolgerà sabato, è in gara con i trionfatori dell'ultimo Festival di Sanremo, Mahmood e Blanco, ma sul palco ci sarà pure Achille Lauro, anche se ufficialmente in rappresentanza della repubblica di San Marino... Come giudica Morgan questo trio? «È la nuova Trinità - risponde - ma io non mi sento rappresentato da loro e non credo di essere l'unico».

 

La trinità musicale italiana ideale di Morgan quale sarebbe, invece? «Escludendo me stesso? Purtroppo sono tutti morti, sarebbero Fabrizio De André e Franco Battiato morti fisicamente e Ivano Fossati che è vivo ma è morto artisticamente». A Francesco De Gregori non lo diciamo... «Ma lui è ancora un ragazzo!», scherza Morgan. Quanto ai presentatori di questo Eurovision Song Contest, per Morgan «non c'è limite alla aberrazione: Mika non è italiano, Laura Pausini non padroneggia il linguaggio e Cattelan è moscio... quanto a Malgioglio è inqualificabile. Ma che scelte sono? Questa sarebbe la vetrina dell'Italia? Mi ricordano la barzelletta con il cieco, il muto, il sordo...».

 

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 12 Maggio 2022, 18:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA