La madre di Morgan da Barbara D'Urso: «Bugo ha rovinato la canzone di Sergio Endrigo, e non ha trattato bene Marco»
di Valeria Arnaldi

La madre di Morgan da Barbara D'Urso: «Bugo ha rovinato la canzone di Sergio Endrigo, e non ha trattato bene Marco»

La lite tra Morgan e Bugo al Festival di Sanremo continua ad animare il dibattito televisivo. A prendere la parola, a Domenica Live, è Luciana Colnaghi, madre di Morgan. Ed è l’occasione anche per parlare del rapporto con il cantante e le sue figlie. Ospite di Barbara D'Urso, la donna si è sfogata. 

Leggi anche > Levante parla di Diodato a Domenica In: «Finalmente si sono accorti di lui»

«Non sento Marco  da un anno e mezzo, ci scambiavamo solo messaggini. Ho visto Sanremo a casa di mia figlia», racconta Luciana. Immediata la domanda di Barbara D’Urso: cosa ha pensato la madre di Morgan vedendo la performance di Sanremo?

Elodie a Domenica In, Mara Venier sbaglia la canzone e mostra il gobbo: risate in studio

«Non condivido il comportamento di Marco che è salito sul palco dicendo quelle cose lì contro Bugo, che peraltro era un amico di vecchia data. Secondo me li hanno troppo caricati. Quando l’ho visto, mi sono messa un po’ le mani nei capelli e ho detto: "Oddio, che sta succedendo?" Io sono un po’ contraria alle cose che ogni tanto fa Marco, che si arrabbia e poi si pente. Ci deve essere un motivo, però. Non lo hanno trattato bene, me lo ha detto. Io credo sempre a quello che dice, ho sempre verificato che le cose che mi diceva erano vere».

Leggi anche > Non è la D'Urso, Morgan lancia un appello a Bugo: «Torniamo a suonare insieme, ma ...»

La madre si sente quasi colpevole per quanto accaduto a Sanremo. «Sono in parte colpevole, sono una musicista anche io. Quando ho visto la performance sulla cover di Endrigo, ho mandato un messaggio a Marco, dicendo: "Hai fatto una bella performance iniziale ma Bugo ti ha rovinato il resto". Mi dava fastidio, cantava senza guardarlo. Mi vergogno a dirlo ma sono stata io a mandare il messaggio. Lui mi ha risposto che era d’accordo. L’ho fomentato io in questo senso, dopo non l’ho più sentito, vai a pensare che dopo sarebbe successo questo». E ancora, «Mi sono sentita in parte responsabile, ho detto: adesso poverino, si trova nei guai, chissà chi lo farà lavorare. Bugo ha rovinato il pezzo di Endrigo. Sono convinta di questo. Altrimenti non lo avrei scritto. Marco è stato messo a disagio dal comportamento di Bugo. In quel momento aveva ragione Marco, dopo non ha avuto ragione a fare l’altra esibizione».

Chiara Ferragni in vacanza con Fedez, prova costume superata: il selfie allo specchio è hot

Da Sanremo si passa poi a parlare dello sfratto. Morgan ha detto di essere stato abbandonato dalla famiglia.
«Al momento dello sfratto mi ha chiesto aiuto - dice la madre del cantante - io sono andata davanti ai giudici perché lui voleva rimandare, si sentiva male. Troppe cose sono state contro di lui. La casa era quasi pagata. Lo so perché gli pagavo il mutuo. Il manager aveva trattenuto tutti i soldi di un anno di concerti, noi non sapevamo nulla. Quelli che lavorano intorno a Marco hanno tagliato fuori e me e mia figlia».

Perché dice che lo avete abbandonato?, domanda la conduttrice.
«Perché non gli abbiamo dato una casa che è libera a Monza, che non è mia. Lui avrebbe voluto il gesto, nessuno lo ha fatto. Io gli ho detto: vieni a casa. Mia sorella gli ha offerto la casa, un piano di tre piani. Lui si è sentito trattato male. Io gli ho detto che non lo abbiamo abbandonato, anzi».

Lucia fa un’espressione perplessa quando sente parlare di Asia Argento.
«Erano due anni che non dava alimenti. Tutti i soldi erano bloccati, Marco ha dichiarato sempre tutto. Finché ho gestito io, andavano a sistemare gli arretrati. Non ha mai rubato niente a nessuno, lo so e lo voglio dire».
Altro tema caldo è il rapporto di Morgan con il padre.

«Io lavoravo, insegnavo, quando era piccolo. Marco stava spesso con il padre, era come una mamma per lui, e quando è morto per lui è stato come perdere la madre. Mio marito si è suicidato.  Lo abbiamo trovato dopo tre giorni, non pensavo facesse una cosa del genere. Marco aveva 16 anni, è stato traumatico. Ancora non lo ha superato. Per quello ogni tanto si comporta così. Io ho cercato di alleggerire la cosa. I miei figli li ho mandati in terapia tante volte. Marco non si dava una spiegazione dell'accaduto, voleva forse colpevolizzare me, perché magari qualche discussione tra me e il padre c’è stata, perché io cercavo di dirgli di farsi forza».

Marco e la sorella sono cresciuti sempre insieme e ora non si parlano.
«Sono due anni che non parla con la sorella, è una rottura brutta, mia figlia ci sta male - prosegue Luciana - Ho cercato di fargli fare pace. hanno litigato. Non so chi dei due deve cominciare. Mia figlia gli ha telefonato e lui ha risposto in modo duro e secco. Non bisogna fare così, bisogna aprirsi. Lui è un ragazzo buono, dobbiamo convincerlo a fare pace con la sorella».

 Si torna a parlare della squalifica al festival. 
«Io gli ho detto che deve chiedere scusa al pubblico. Qualunque cosa accada dietro il palco, il pubblico non lo sa. Lasciamo stare quello che dice il manager, sono rancori di vecchia data, lui ha picchiato Marco da quello che so io. Lo consideravo come un padre per Marco, invece con il tempo, ho dovuto affrontare dei problemi non indifferenti. Mi ha detto Marco che il manager lo ha picchiato. Marco deve chiedere scusa, deve sistemare questa cosa, perché deve lavorare». 
 
Ultimo aggiornamento: Domenica 16 Febbraio 2020, 21:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA