Barbara D'Urso, a Domenica Live Massimo Lopez rivela: «Ho rischiato grosso sul palco, avevo un infarto». Poi si commuove in tv

di Valeria Arnaldi
I ricordi del Trio, il dolore per la scomparsa di Anna Marchesini, la paura per l’infarto in scena. Massimo Lopez a Domenica Live da Barbara D'Urso si racconta, con commozione. A fargli venire gli occhi lucidi e perdere per un istante la voce è proprio il pensiero di Anna Marchesini.

LEGGI ANCHEGabriel Garko a Domenica In: «Gabriele è un amico speciale. Un figlio? Forse non è tardi»

«Ognuno di noi proponeva qualcosa. Lei era rompiscatole. Anche io, ma lei di più, avrei voluto esserlo io con la stessa forza.  Ci siamo sentiti fino alla fine, non stava bene ma era viva, i suoi occhi erano molto vivi, così il suo cuore. Mi mandava messaggi con battute. Quando li rileggo, ancora rido».
Si cambia registro, poi, per superare il momento di commozione, mostrando alcune tra le tante imitazioni di Lopez, inclusa quella di Papa Francesco rimasto chiuso in ascensore e, specificamente, in quello della trasmissione.
 
 

L’attore poi ha ricordato quando ha avuto l’infarto in scena a Trani.
«A un certo punto ho sentito un indolenzimento lieve al torace. Sai quando dopo che hai fatto le flessioni in palestra? Non avevo fatto nessun tipo di esercizio, però. Pensavo a tutte queste cose mentre recitavo. Parlavo, facevo altre cose, ma intanto pensavo che era strano quello che sentivo».

Lopez ha capito quindi che si trattava di qualcosa di realmente grave.
«Mi sono dato un tempo. Mi sono detto, se questo dolore aumenta ancora nel prossimo minuto, blocco tutto e chiamo l’ambulanza. Dopo quel minuto, ho chiesto scusa a tutti e sono andato via. Ho detto di chiamare un’ambulanza. Hanno capito subito che era grave. Sono arrivato in ospedale in sette minuti. Sono stati tutti bravissimi».
Cosa ha pensato durante il viaggio in ambulanza?
«Non ho mai perso i sensi. Ho pensato che non avevo avvertito nessuno ma anche che si sarebbero preoccupati».
Ultimo aggiornamento: Domenica 3 Novembre 2019, 18:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA