Industria audiovisiva in progressione grazie alla distribuzione digitale. Il report ICE: «Favorito il made in Italy»

Industria audiovisiva in progressione grazie alla distribuzione digitale. Il report ICE: «Favorito il made in Italy»

La Legge Franceschini del 2016 ha riorganizzato in modo sistematico l’intervento pubblico a favore dell’industria audiovisiva italiana

«L’industria audiovisiva mondiale sta attraversando una fase di rapida evoluzione per la diffusione delle tecnologie digitali, che stanno trasformando i paradigmi produttivi e gli assetti dei mercati». È quanto emerso dal Centro Ricerche Economiche e Sociali Rossi-Doria dell’Università Roma Tre per conto di ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane.

 

Leggi anche - Ecobonus per le auto elettriche: il sì del governo al rifinanziamento

 

«La componente della distribuzione digitale, che partiva da 12 miliardi di dollari nel 2013, è salita a un tasso medio annuo del 25 per cento fino al 2019, per poi diventare nettamente preponderante con la pandemia, raggiungendo i 62 miliardi di dollari. In questo scenario, l’industria audiovisiva italiana ha manifestato negli ultimi anni segni di grande vivacità, facendo leva sul patrimonio culturale in cui è radicata per cercare di rinnovare le forme della propria presenza sui mercati internazionali».

 

«Nell’ultimo decennio - si legge - l’industria audiovisiva italiana ha attratto l’interesse delle multinazionali straniere: la loro incidenza in termini di occupati è salita dal 4,2 all’11,5 per cento. Inoltre, le produzioni creative dell’audiovisivo italiano svolgono un ruolo prezioso di valorizzazione e diffusione dell’immagine culturale del paese nel mondo, favorendo anche altre produzioni tipiche del made in Italy».

 

Leggi anche - Venduto a 22 milioni di euro il Banksy semidistrutto: record per «La bambina col palloncino»

 

Di certo, i servizi di video on demand (VOD) hanno contribuito a rivoluzionare il mercato audiovisivo nel mondo: «Il mercato mondiale dello streaming, caratterizzato da un’elevata redditività, si sta tuttavia già avviando verso una progressiva saturazione e gli operatori presenti, per incrementare le loro quote di mercato, stanno effettuando notevoli investimenti nella creazione di un numero crescente di nuovi contenuti esclusivi e originali. Questa tendenza è visibile anche nel mercato italiano, dove il valore degli investimenti in produzioni audiovisive degli operatori VOD è stato nel 2019 di circa 70 milioni di euro».

 

Importante, per sostenere l’industria audiovisiva italiana, è stata la Legge Franceschini del 2016 che, come spiega il report, «ha riorganizzato in modo sistematico l’intervento pubblico a favore dell’industria audiovisiva italiana, prevedendo interventi in tutte le fasi della filiera, dalla scrittura delle opere, al loro sviluppo e pre-produzione, fino alla produzione vera e propria, alla distribuzione nazionale e internazionale, all’esercizio delle sale cinematografiche, alla diffusione nei mercati post-sala. Nel complesso le risorse messe a disposizione del settore hanno ampiamente oltrepassato negli ultimi due anni la soglia minima dei 400 milioni di euro fissata dalla Legge, raggiungendo livelli nettamente superiori a quelli degli anni precedenti».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 14 Ottobre 2021, 21:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA