Giovanni Minoli, il giornalista ospite da Diaco si racconta: «L'alternativa era fare il calciatore, mi voleva il Milan»

Video

«L'alternativa era fare il calciatore o lo scrittore. Io ho scritto un romanzo a 15 anni e giocavo a pallone piuttosto bene. Al torneo di Santa Margherita facevo quattro gol a partita. Insomma, ho avuto delle offerte importanti, anche dal Milan! Da Rizzoli che era presidente del Milan». Il giornalista Giovanni Minoli ha raccontato l'evolversi della sua carriera e le proposte rifiutate al conduttore Pierluigi Diaco, di cui è stato ospite in diretta del programma di Rai Radio2, 'Ti sento', in onda su Rai Radio2 e in Visual su RaiPlay.

 

Leggi anche - Bruno Vespa: «Troppi talk prima e Porta a Porta inizia tardi»


 
 Diventare un calciatore professionista, «ero centravanti e quindi c’era quella possibilità», che a casa Minoli non venne presa troppo sul serio, come Minoli racconta: «ero troppo piccolo, a 15 anni non potevo firmare per me. Infatti, quando capitava di discutere con mia madre le dicevo: vabbè, mettiamo sul tavolo tutti i miliardi che non ho guadagnato e poi ti rispondo!».

E alla domanda se esista una regola del gioco del calcio applicabile alla vita professionale, lui risponde: «Quasi tutte. Il gioco del calcio ha delle regole abbastanza interessanti e anche abbastanza intelligenti perché prevede lo scontro durissimo ma lo prevede cavalleresco nella  regola vera e quindi quello ti dà la dimensione di come la vita può essere durissima ma nello stesso tempo puoi vincere se rispetti le regole». 


Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Settembre 2021, 11:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA