Giovanna Botteri a Domenica In: «Mai avuto il Covid in Cina, l'ho preso appena arrivata in Francia»

Giovanna Botteri a Domenica In: «Mai avuto il Covid in Cina, l'ho preso appena arrivata in Francia»

L'inviata della Rai si era vaccinata con la seconda dose nell'ottobre scorso e avrebbe dovuto fare la terza a fine gennaio

Giovanna Botteri in collegamento con Mara Venier a Domenica In. L'inviata della Rai, dopo un lungo periodo in Cina in cui ha raccontato la nascita della pandemia, ora si trova a Parigi e rivela: «Non ho mai preso il virus in quasi due anni, sono stata contagiata e ho avuto il Covid appena arrivata in Francia».

 

Leggi anche > Pierpaolo Pretelli positivo al Covid, salta Domenica In: «Mi spiace per la mia Mara Venier»

 

L'esperienza di Giovanna Botteri rivela all'atto pratico la straordinaria contagiosità della variante Omicron. L'inviata della Rai, poi, ha spiegato: «Non ho avuto il Covid in forma lieve, ma credo di essere stata salvata dal vaccino. Soffro di alcune patologie polmonari, se non fossi stata vaccinata sarebbe andata molto peggio. Purtroppo c'è poco da fare, in una situazione come quella della Francia, che fino a pochi giorni fa faceva registrare 500mila nuovi casi al giorno».

 

«In Francia la situazione ora è in miglioramento, ma è stata drammatica. Il virus circolava moltissimo e c'è una certa quota di popolazione non vaccinata, che ha intasato gli ospedali. C'erano neonati che finivano subito in terapia intensiva, perché contagiati dalle loro mamme positive e non vaccinate» - racconta ancora Giovanna Botteri - «Non ho fatto il vaccino in Cina, ma qui, con la seconda dose fatta a ottobre. Avrei dovuto fare la terza a fine gennaio, ma poi ho avuto contatti con positivi, colleghi e persone che ho intervistato, e dopo il tampone ho scoperto di essere positiva. Ho avuto febbre alta per due giorni, una forte tosse, non è stato semplice. Ora non so se fare la dose booster comunque o rimandarla». Su questo, gli esperti non sono del tutto concordi. «Io aspetterei magari un paio di mesi e poi farei comunque la terza dose», spiega il professor Francesco Le Foche. Il professor Matteo Bassetti, in collegamento da Genova, invece la pensa diversamente: «Io le consiglierei di fare comunque il vaccino quando programmato».


Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Gennaio 2022, 14:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA