Fabio Fazio si sfoga: «Norme contro di me, la Rai dica chiaramente se mi vuole o no»

Fabio Fazio si sfoga: «Norme contro di me, la Rai dica chiaramente se mi vuole o no»

Fabio Fazio non ci sta: a due giorni dal Cda Rai che ha approvato la policy sul conflitto di interessi di agenti produttori e artisti, il conduttore di Che tempo che fa si è sfogato in un'intervista al Fatto Quotidiano. Le nuove norme prevedono infatti che la Rai si impegni a evitare che i produttori, nel realizzare opere televisive del genere intrattenimento in coproduzione o appalto per Rai, prevedano l'utilizzo nelle stesse dei propri artisti partecipanti: una norma interpretata come 'anti-Fazio'.

Leggi anche > La Rai tra i tagli ai compensi, il tris di donne rimaste a piedi e Sottile che può diventare un nuovo caso Giletti

«Adesso basta: parlo poco, ogni due anni, ma la norma 'anti-Faziò approvata dal Cda mi obbliga a dire la mia», le parole di Fazio, arrivato alla decisione di parlare e pretendere che la Rai dica con chiarezza se lo vuole oppure no. «Trovo ogni limite superato. Qui entriamo nel campo dell'inaccettabile: da tempo mi viene riservato un trattamento che non ha eguali né precedenti. Adesso basta», tuona Fazio, facendo presente che tutto è cominciato «tre anni fa quando - racconta - ero già serenamente avviato altrove e la Rai mi chiese di restare. Mi scappò detto che la politica non doveva più entrare nella tv. Da allora iniziò la guerra, perché quella mia frase fu letta come una questione personale. Uno stillicidio continuo, un linciaggio senza eguali né giustificazioni».

«Quando sono rimasto, l'intento dell'azienda era di portarmi su Rai1, un pò quello che aveva anticipato Freccero, definendo Che tempo che fa 'il più bel programma di Rai1' quand'ero ancora a Rai3 - dice Fazio - Su Rai1 abbiamo coperto dalle 20.30 a mezzanotte per un costo a puntata di 300mila euro per la mia società, più 100mila di costi generali Rai». Dunque 400mila complessivi? «Sì, ma di solito in quella fascia va una fiction di due ore, a una media di 750mila euro l'ora».

"123 ATTACCHI DA SALVINI" «Prima del mio arrivo Rai1 faceva in media il 15,19%: con me il 16,3 il primo anno e il 15,49 il secondo. Ma solo nel 2018-'19 ho subìto 120 attacchi dall'ex ministro dell'Interno». Anzi, «per l'esattezza - tiene il conto Fazio - sono 123; se vieni attaccato dal capo del Viminale, hai una vita normale e due figli da portare a scuola, non sai mai chi sono i seguaci del ministro». E in Rai qualcuno ha replicato a questo? «123 attacchi, 123 silenzi. E dopo due anni il trasloco su Rai2». Coincidenza? «No: mai avuto il numero di telefono del direttore di Rai1 (Teresa De Santis, ndr); forse non è chiaro, ma sono uscite notizie false, han ribaltato i costi di produzione attribuendomeli come guadagni: i 400mila euro diventavano uno stipendio da 12 milioni l'anno per 4 anni».

«S' è mossa persino l'Anac. Poi la Corte dei Conti - evidenzia Fazio - ha dimostrato che il programma costa meno della metà di qualunque altro varietà della stessa fascia oraria». In ogni caso «sono scelte editoriali, per me legittime, ma la 'norma anti-Faziò no. E non basta: hanno chiesto a tutti di ridursi il compenso, e ho accettato. Solo io, però. Sono stufo di dovermi difendere per il mio lavoro. Anche perché mi dicono che il mio programma è interamente coperto dalla pubblicità: ho chiesto i dati, invano. Ma il listino Sipra dà gli spot durante 'Che tempo che fà a 50mila euro ogni 15 secondi, e io ne ho 18 minuti». E le critiche di Anzaldi? «Mai conosciuto, non saprei neanche riconoscerlo per strada; trovo strano, per essere gentili, che visto il suo mestiere (è commissario della Vigilanza Rai, ndr) dovrebbe conoscere bene la situazione, eppure è un continuo».

"LA RAI HA TROPPE REGOLE" «La Rai ha ottime professionalità, ma da azienda pubblica ha troppe regole, anche le più impensabili, che rendono impossibile la produzione interna», continua Fazio, che fa esempi chiari sulle «regole impensabili» che scandiscono la vita dell'Azienda Pubblica: «Vai in onda di domenica, ma l'ufficio scritture chiude il venerdì. Non puoi comprare nemmeno i fiori: c'è l'Ufficio acquisti. Così è impossibile fare dall'interno programmi complicati come il nostro». Autoprodursi significa, quindi, bypassare queste regole e poter «controllare il prodotto, accade pure per Bonolis, De Filippi, Floris - sottolinea Fazio - La Scala ingaggia artisti da fuori. E poi potevano dirmelo prima della firma del contratto, che non si poteva. Mi sarei regolato diversamente». Ma Fazio si sente a tutti gli effetti un interno: «Sono entrato in Rai nel 1983 con Raffaella Carrà, non avevo ancora compiuto 19 anni; quindi mi sento più Rai della Rai. Ho lavorato internamente fino al 1999, poi ho iniziato con le coproduzioni, che sono la vita stessa dell'azienda, da Fiorello ai pacchi a Ballando». 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 19 Giugno 2020, 10:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA