Edoardo Leo commosso nel ricordo di Gigi Proietti a Da Noi a Ruota Libera: «Quando mi disse non sei figo, fai ride»

Edoardo Leo presenta il suo nuovo film, ma il pensiero non può non andare al suo Maestro Gigi Proietti che con una semplice frase è riuscito a cambiare la carriera dell'attore

Video

di redazione web

Sono passati due anni dalla morte del Maestro. Ma Gigi Proietti è ancora nella mente di tutti. Soprattutto degli attori che, da lui, hanno imparato tutto. Proprio come Edoardo Leo che, ospite di Francesca Fialdini a «Da noi... a ruota libera», ha voluto ricordarlo senza nascondere la sua commozione. 

Leggi anche > Nancy Brilli ospite di Francesca Fialdini "A ruota libera": «La mia rubrica su Leggo, i consigli e...»

Il ricordo

 

Dal 10 novembre Edoardo Leo sarà protagonista nelle sale cinematografiche con il suo nuovo film «War - La guerra desiderata». E nel presentare la pellicola di Gianni Zanasi, l'attore romano non ha potuto fare a meno di ricordare il Maestro. Preso dalla commozione, di fronte a Francesca Fialdini, ricorda il suo grande Maestro Gigi Proietti. «La lettera che ho letto l’avrei scritta comunque per i suoi ottant’anni, per ringrazialo a nome degli attori come categoria, ma anche personalmente, per aver fatto girare la ruota nella mia carriera. A 25 anni, ero nell’età in cui mi sentivo un po’ aitante e lui mi disse 'Perché fai il figo? Non sei figo, fai ride'. È stato il miglior consiglio che ho mai ricevuto, mi è servito per capire che, pur non avendo il fisico da caratterista, potevo comunque diventare un attore da commedia. Era il 2000 ed è stato per me l’anno della svolta». Con le lacrime agli occhi Edoardo Leo saluta ancora una volta colui che, con estrema semplicità, è riuscito a cambiargli la vita.

Giuseppe Zeno riceve l’albero del Giudice Giovanni Falcone

Ospite di Francesca Fialdini nel programma ‘Da noi…a ruota libera’ per l’attore un film tv dal titolo ‘Tutto per mio figlio’ che racconta la storia ispirata a fatti realmente accaduti di un uomo che si oppone al racket camorristico in onda su Rai1 domani, 7 novembre. Per il messaggio della serie il cui protagonista è, proprio, Giuseppe Zeno, per chi nella vita trova il coraggio di opporsi alla malavita. E così, Francesca Fialdini riserva un regalo all’amato attore, l’albero dedicato a Giovanni Falcone, l’albero di ficus che è tuttora accanto alla casa dove abitava il giudice. Una talea che ‘porta’ in sé un messaggio di coraggio e legalità consegnata dal tenente colonnello Sandra Martinelli, dal raggruppamento carabinieri biodiversità. E Zeno commenta: È un bellissimo regalo e anche una grandissima responsabilità nel custodirla. Spero che da questa ne possano nascere tantissime altre e che io possa poi redistribuire”.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 7 Novembre 2022, 20:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA